Giovedì 27 Gennaio 2011

Sanità, ai Riuniti le ultime nomine
Laura Chiappa direttore sanitario

Dopo le designazioni dell'Asl e dell'Azienda ospedaliera Treviglio-Caravaggio (entrambi i direttori generali sono dati in quota Lega), si è alla quadratura del cerchio con le nomine di direttore sanitario e amministrativo dell'azienda sanitaria «Bolognini» di Seriate (guidata da Amedeo Amadeo, in quota An, riconfermato lo scorso primo gennaio) e del direttore sanitario e amministrativo dell'Azienda ospedaliera Ospedali Riuniti di Bergamo (guidata dal neonominato Carlo Nicora, già ds al Niguarda, dato in quota all'area formigoniana). E se per Seriate le nomine sono state ufficializzate, per i Riuniti la designazione avverrà venerdì 27 gennaio. Già decisi oramai i nomi della squadra di Nicora: come direttore sanitario dei Riuniti (al posto di Claudio Sileo, designato direttore sociale all'Asl di Milano città, una nomina tecnica) è in arrivo Laura Chiappa (area formigoniana), attualmente direttore sanitario dell'Azienda ospedaliera Sant'Anna di Como, dove è arrivata da Lecco. Classe 1960, Laura Chiappa è giudicata dagli addetti ai lavori direttore sanitario di estrema competenza e a Bergamo, in vista del trasloco nel nuovo ospedale «Papa Giovanni XXIII» porterebbe l'importante esperienza acquisita a Como, con il nuovo ospedale del posto. Come direttore amministrativo, al posto di Gianpietro Benigni è invece in arrivo ai Riuniti Peter Assembergs, manager bergamasco di area formigoniana.

A Seriate, come si diceva, le nomine sono già state fatte. A prendere il posto di Michele Tumiati è Bruno Zanzottera, di Lovere, 58 anni, medico specializzato in medicina legale, caposaldo dell'Azienda «Bolognini», dove dal 1998 è direttore del presidio 1 dell'Azienda (ospedali di Seriate, Trescore e Sarnico); in precedenza aveva lavorato ad Albino, nell'ex Usl 26, come medico legale. «Non me l'aspettavo e sono emozionato, ma anche preoccupato – ha dichiarato –. Il lavoro è molto, e sono onorato della fiducia». Riconfermato come direttore amministrativo Gianluca Vecchi, in carica dal 2009.

E dai Riuniti, il dg Carlo Nicora si dice disponibile, anche nella logica del programma dell'Asl, a lavori di rete con gli altri ospedali («per i pazienti critici potremmo disporre disponibilità per le Terapie intensive, in cambio, da parte delle altre strutture a riaccogliere i degenti in uscita da aree di alta criticità»). E conclude: «Ben venga una sana competizione: ne può derivare una migliore qualità. Ma la guerra non mi interessa».

fa.tinaglia

© riproduzione riservata