Venerdì 11 Febbraio 2011

«Nel dolore non si è mai soli»
Anche Bergamo prega per Yara

Tantissime famiglie con bambini, ma anche numerosi gruppi di alpini e della protezione civile, oltre a tanti carabinieri. Sono circa un migliaio le persone che venerdì sera 111 febbraio hanno pregato per Yara Gambirasio, durante una processione che è partita intorno alle 20.30 dalla scuola media «Maria Regina» delle suore Orsoline di Somasca ed è arrivata alla chiesa di Loreto. È stata proprio la scuola dove Yara è iscritta, in particolare i genitori degli alunni, ad aver organizzato la serata di riflessione. Il «momento particolare di preghiera per la nostra Yara», così è definito, viene proposto in occasione dell'anniversario della festa della Beata Vergine di Lourdes.

Il ritrovo era fissato alle 20,30 nel cortile della scuola, con ingresso da viale Curie: vietato l'uso di macchine fotografiche e videocamere, tantissime le famiglie riunite e munite di candele che hanno pregato la Madonna, recitando il rosario e rivolgendosi alla Madonna di Lourdes. La processione si è snodata nelle vie del quartiere, per concludersi nella chiesa parrocchiale di Loreto per la solenne benedizione.

Qui, nel silenzio e nella preghiera, ha preso la parola don Marco Perucchini, sacerdote attivo al Patronato di Sorisole e originario di Brembate Sopra: «Con queste preghiere e nella riflessione abbracciamo Yara e la sua famiglia - ha detto -. Pregando la Madonna di Lourdes dobbiamo ricordare che anche nei momenti difficili non si è mai soli». Don Perucchini ha anche ricordato come «la gente in processione a Lourdes chiede alla Madonna» non la guarigione «ma la forza di affrontare e portare il proprio dolore».

fa.tinaglia

© riproduzione riservata