Giovedì 17 Febbraio 2011

Tir lumaca sulla Milano-Bergamo
per protesta sabato 19 febbraio

Totale assenza di risultati concreti e ulteriore e conseguente aggravamento nello stato di salute dell'autotrasporto, privato di quegli strumenti di tutela normativa che sarebbero dovuti derivare dall'intesa del 17 giugno scorso che solo Trasportounito si era rifiutato di sottoscrivere.

Queste, spiega l'Associazione in una nota, le motivazioni che rendono inevitabile la ripresa della protesta: il giorno 19 febbraio protesta Tir-lumaca fra Bergamo e Milano mentre lo stesso accadrà il giorno 21 fra Fermo e Ancona.

«È inevitabile e largamente prevedibile - afferma il segretario generale Maurizio Longo - che la tensione torni a salire fra imprese di autotrasporto ormai strangolate dall'aumento dei costi di gestione e dal ribasso delle tariffe richieste dai committenti».

L'intesa con il Governo del 17 giugno scorso, come previsto da Trasportounito che non l'ha sottoscritta, «non ha prodotto alcun tipo di risultato concreto e quindi gli autotrasportatori, allo stato attuale, non hanno strumenti normativi di tutela in grado di tamponare una situazione che da critica è divenuta drammatica».

«Oltre alla crisi economica, e ai costi non remunerati dalla committenza, si abbattono sulle imprese di autotrasporto italiane tutte le inefficienze del sistema e quelle generate dall`inasprimento del Codice della Strada, dall'obbligo del sistema Sistri, dal costoso e probabilmente inutile filtro antiparticolato conseguenza dei "piani aria" regionali nonché dalla eccessiva burocratizzazione».

m.sanfilippo

© riproduzione riservata