Martedì 22 Febbraio 2011

Treviglio, spaccata al Greenbar
Via duemila euro in contanti

Ancora ladri in azione al «Green bar» di Treviglio, per la terza volta nelle ultime due settimane. Nella notte tra domenica e lunedì il locale è stato preso di mira da due sconosciuti che si sono portati via circa duemila euro forzando i cassetti di alcuni videogiochi.

Il fatto è accaduto poco dopo le 3 di lunedì, come risulta dalle immagini del sistema di videosorveglianza interno del bar. I malviventi hanno raggiunto a piedi il locale che si affaccia su viale Ortigara. Utilizzando una mazza di ferro, poi abbandonata sul posto, hanno abbattuto un vetro della porta d'ingresso della sala giochi situata sul retro. Dopo avere assestato alcuni colpi, i due incursori notturni si sono procurati un piccolo varco, quanto sufficiente per sgattaiolare all'interno. Sempre carponi, i due si sono portati vicino alle macchinette e usando un altro attrezzo hanno forzato gli apparecchi. L'operazione è durata alcuni minuti, quanto bastato ai malviventi per svuotare i videogiochi e uscire nuovamente dal punto in cui poco prima erano entrati. Una volta in strada si sono allontanati sempre a piedi lungo l'ex statale 11, facendo perdere le tracce. Sul posto è intervenuta poco dopo una pattuglia dei carabinieri del radiomobile di Treviglio.

Tentata rapina, invece, domenica sera, a Caravaggio, al bar «Centrale» di fronte al municipio, in piazza Garibaldi. Un malvivente armato di pistola, finta secondo le testimonianze dei presenti, è entrato nel locale e ha cercato di impossessarsi dei soldi nel registratore di cassa. In quel momento nel bar, oltre alla titolare e alle cameriere rimaste pietrificate dalla paura, si trovavano alcuni clienti: uno di loro non ha esitato a dirigersi verso il rapinatore e ad allontanare il registratore di cassa dalle sue mani. <+tondo>Il malvivente, spaventato dall'inaspettata reazione dell'uomo, ha desistito dal suo intento ed è fuggito a mani vuote. L'episodio, durato solo pochi minuti, si è verificato intorno alle 22,30.

a.ceresoli

© riproduzione riservata