Mercoledì 09 Marzo 2011

Travolto in A4, resta il mistero
L'indentikit diramato in tutta Italia

Neppure le impronte digitali hanno permesso di scoprire l'identità dell'uomo travolto e ucciso da un'auto nel tardo pomeriggio di martedì 8 marzo mentre si trovava a piedi sulla terza corsia dell'autostrada A4, tra Bergamo e Orio al Serio.

Resta quindi un mistero il nome della vittima del drammatico incidente, accaduto intorno alle 19: da un primo identikit stilato dalle forze dell'ordine l'uomo avrebbe circa 35-40 anni, è alto 1 metro e 80, ha i capelli castano chiaro un po' lunghi, ha la carnagione chiara e pare essere originario dell'Est Europa. L'uomo, al momento dell'incidente, indossava un paio di pantaloni della tuta di colore scuro con tre bande laterali rosse e una felpa verde. Al collo una catenina in caucciù con un Crocefisso in oro. Nessun tatuaggio e nessun segno di riconoscimento sul corpo, si ipotizza che l'uomo sia senza permesso di soggiorno.

Dalle indagini effettuate dagli inquirenti, nella zona prettamente agricola - non ci sono nè residenze nè ditte - non sono risultati furti o casi anomali. Ora la polizia scientifica ha diramato l'identikit in tutta Italia e ha anche confrontato le impronte con quelle presenti in tutte le banche dati disponibili: questo ha però solo escluso che la vittima avesse precedenti penali o che, in qualche modo, fosse stato schedato. Per il momento il nome non emerge neppure dalle denunce di scomparsa presentate recentemente. Il lavoro degli investigatori della polizia va avanti.

Resta dunque anche il mistero anche sul perché si trovasse a piedi praticamente al centro della carreggiata autostradale. L'uomo stava forse tentando di attraversare, oppure era sceso da un'auto di passaggio. Tutti interrogativi ai quali sta cercando di dare una risposta la polizia stradale di Seriate, intervenuta per i rilievi.

A travolgere l'uomo è stata una donna, che era stata portata sotto choc in ospedale: per l'impatto il corpo senza vita era stato scaraventato tra i due new jersey.

r.clemente

© riproduzione riservata