Venerdì 11 Marzo 2011

Media-conciliazione da bocciare
Avvocati in sciopero dal 16 al 22

Media-conciliazione da bocciare, nonostante le buone intenzioni di fondo e l'ormai prossima entrata in vigore il 21 marzo: gli avvocati hanno proclamato lo stato di agitazione e un'astensione dalle udienze penali, civili, tributarie e amministrative dal 16 al 22 marzo compresi (fatte salve le udienze tutelate dal codice di autoregolamentazione, ndr).

«Va stigmatizzato il comportamento del legislatore - ha dichiarato Ermanno Baldassarre, presidente dell'Ordine degli avvocati di Bergamo -. Fin da subito sulla mediazione è stato fatto presente che c'erano delle storture di base molto gravi. Fatta così non è per nulla utile al cittadino, anzi secondo noi lo danneggia».

«Così come è stata concepita la mediazione, obbligatoria e non soggetta a competenza territoriale, da un lato è in conflitto con il diritto di ogni cittadino a poter decidere liberamente di quale strumento avvalersi per tutelare i propri diritti, e dall'altro snatura la caratteristica peculiare della mediazione, la volontarietà - viene sottolineato in una delibera dell'Ordine degli avvocati di Bergamo, inviata al Ministero con la richiesta di una proroga di 12 mesi per l'entrata in vigore -. L'istituto della media-conciliazione è destinato al fallimento e comporterà per il cittadino solo un ulteriore aumento di tempi e costi».

Una media-conciliazione così strutturata è tutto fuorché utile al cittadino - sottolinea Baldassarre -. Per accedervi inoltre è obbligatorio pagare una certa cifra in base al valore della causa. Si va da 65 a oltre 9.200 euro». Cifra che bisogna versare anche solo per poter entrare in possesso del verbale di mancata conciliazione, necessario per procedere al successivo giudizio.

Leggi di più su L'Eco di sabato 12 marzo

m.sanfilippo

© riproduzione riservata