Domenica 12 Giugno 2011

Mola ritrovato: «Non ricordo nulla»
Il figlio: «Aiutato dalla Caritas a Roma»

«Sono alla stazione Termini, venite a prendermi». Una telefonata breve e confusa quella che Mario Mola ha fatto alla sua famiglia nella mattinata di domenica 12 giugno. L'uomo era scomparso lo scorso 14 marzo e moltissime persone lo avevano cercato nella Bergamasca. L'uomo - pare in buone condizioni - si trova a Roma e il figlio Mosè è subito partito per la capitale per andare a prenderlo.

Mola era uscito dalla sua casa di Ponte San Pietro all'alba, prima delle 6,30, era stato visto nel centro del paese alle 15,30 e dopo era come scomparso nel nulla. Pensionato di 67 anni che vive in via Don Begnis al civico 9, vicino alla chiesa parrocchiale, è sposato e ha un figlio.

Le ricerche era scattate subito e si erano focalizzate in particolare nella zona della Bergamasca e dei monti vicini . La sua scomparsa era stata segnalata anche alla trasmissione «Chi l'ha visto?». Ora il pensionato dovrà chiarire dove è stato e cosa ha fatto in questi tre mesi di grande angoscia per la famiglia.

Il figlio Mosè giunto nel tardo pomeriggio a Roma ha potuto riabbracciare il padre. Dopo un colloquio con i carabinieri, i due sono ripartiti alla volta di Ponte San Pietro dove erano attesi nella notte.

«Di questo periodo - ha raccontato il figlio Mosè - non ricorda quasi nulla. Sa che è stato aiutato dalla Caritas di Via Marsala per il cibo e gli indumenti ma non sa come sia arrivato a Roma. Le sue condizioni sembrano buone ma domani lo porteremo dal medico per fare tutti gli accertamenti».

fa.tinaglia

© riproduzione riservata