Giovedì 30 Giugno 2011

La lettera: «Vendere Casa Suardi?
Una rinuncia a pensare in grande»

«La risposta del sindaco all'appello del Movimento Piazzavecchianonsivende non ci convince assolutamente» sostiene Nicola Eynard, Segretario cittadino del Pd, intervenendo sulla questione della vendita di Casa Suardi, presentata da Tentorio come una dolorosa necessità in questa sfavorevole congiuntura.

«Lo sappiamo - continua Eynard - che questo è un periodo difficile per gli Enti Locali: strangolati come sono dal patto di stabilità e per nulla avvantaggiati, per il momento, dal federalismo fiscale. Però è bene innanzitutto precisare che questa emergenza economica non è opera del caso, ma frutto di precise scelte politiche del governo di centro-destra, che scarica i costi del risanamento sui Comuni».

«Inoltre la Giunta non ci sembra in grado di affrontare una situazione che richiederebbe, da un lato, uno sforzo supplementare di ingegno ed iniziativa, dall'altro, maggiore lucidità ed una visione strategica di ampio respiro. Sembra che i nostri non riescano a trarre alcun vantaggio dal famoso "filotto" (Pdl-Lega al governo di Stato, Regione, Provincia e Comune); oltretutto, pur in un territorio, come quello bergamasco, tra i più ricchi d'Italia, non riescono a trovare sponsor privati nemmeno per sistemare la campana della Torre Civica».

«Eppure - ricorda il segretario cittadino del Pd - l'Università di Bergamo ha visto aumentare, nel 2010, i contributi dei privati di ben 4 milioni di euro. Perché invece il Comune riesce a trovare benefattori (per giunta anonimi!) solo per i cartelli Berghem all'ingresso della città? Evidentemente è molto difficile trovare risorse, convincere e coinvolgere partner privati in progetti per la città, in mancanza di una visione forte e convincente, di una strategia chiara, di idee suggestive e praticabili. da questo punto di vista ci sembra emblematica la questione di Casa Suardi».

«Tentorio ne parla riduttivamente come di un bene di lusso e non ne considera affatto le enormi potenzialità strategiche. Questo palazzo è infatti la quinta occidentale di una delle più belle piazze del mondo e confina con i principali capisaldi monumentali pubblici della nostra città (Palazzo della Ragione e Palazzo del Podestà, Biblioteca Maj e Teatro Sociale)».

«Potrebbe essere valorizzato in sinergia con ognuno di essi, tutti bisognosi di nuovi spazi. Possibile che l'Amministrazione comunale non abbia alcuna idea e progetto a riguardo? Eppure Bergamo ambiva a candidarsi come Capitale Europea della Cultura 2019 ed a concorrere perché la città murata divenga Patrimonio dell'Unesco».

«Di questo passo sarà difficile… Se al momento mancano i soldi, perché non aspettare tempi migliori ed intanto mettere a reddito il palazzo affittandolo? Venderlo significherebbe infatti perderlo per sempre. Per questo - conclude Eynard - il Partito Democratico sostiene con grande convinzione la battaglia del Movimento Piazzavecchianonsivende ed invita tutti i cittadini, cioè i proprietari di Casa Suardi da quasi trenta generazioni, a firmare perché questo Bene sia tolto dall'elenco delle future alienazioni».

Nicola Eynard, segretario cittadino Pd

m.sanfilippo

© riproduzione riservata