Domenica 10 Luglio 2011

Ucciso in bici, in passato al pirata
tolta due volte la patente: velocità

Si era già visto ritirare la patente per eccesso di velocità il trentaquattrenne di Pontirolo Nuovo che, nella notte fra giovedì e venerdì a Vaprio d'Adda (Milano), ha investito e ucciso Mirko Lovecchio, un diciassettenne del paese che rincasava in sella alla sua bicicletta.

Forse è questo uno dei motivi per cui l'uomo, accortosi di ciò che aveva commesso, è fuggito in preda al panico senza prestare soccorso al diciassettenne. Il padre, di 76 anni, ha poi tentato di coprirlo, presentandosi alla stazione dei carabinieri di Fara d'Adda e assumendosi la responsabilità dell'investimento.

La versione fornita dal settantaseienne, però, non ha convinto i carabinieri della compagnia di Vimercate, i quali, una volta rilevato che l'uomo aveva un figlio di 34 anni, hanno concentrato le loro attenzioni su di lui riuscendo in breve tempo a farlo confessare.

Entrambi sono stati denunciati (il figlio per omicidio colposo e omissione di soccorso, il padre per falsa testimonianza) e sono a piede libero. Un fatto che non sta suscitando rabbia o risentimento fra gli amici e i familiari di Mirko Lovecchio, figlio unico di madre vedova: al momento sta prevalendo il dolore e l'incredulità.

La salma di Mirko Lovecchio è stata composta all'istituto di medicina legale di Milano per essere sottoposta all'autopsia. La data dei funerali non è ancora stata fissata. Nel frattempo è arrivata la conferma che il pirata della strada è di Pontirolo e che in passato gli era già stata ritirata la patente per due volte: una a causa dell'alta velocità.

L'investimento è avvenuto sulla via per Cassano dove il limite di velocità è di 70 chilometri orari, limite che i rilievi dei carabinieri accerteranno se il trentaquattrenne ha superato o no. Mirko Lovecchio dopo l'urto con l'auto è stato sbalzato dalla sella della bici, finendo con il fianco contro un muro di cinta alto circa 3 metri e lontano una ventina di metri dal punto dell'impatto.

Leggi di più su L'Eco di domenica 10 luglio

m.sanfilippo

© riproduzione riservata