Martedì 12 Luglio 2011

Afa, allarme rosso ovunque:
mercoledì attesi forti temporali

Se dovete spostarvi lungo la nostra Penisola conviene tenerne conto. L'Italia è ancora nella morsa del caldo: anche per martedì sono attese temperature con valori massimi nettamente superiori alla norma del periodo, con punte di caldo molto intenso in particolare su Emilia Romagna e centro-sud.

Ma sarà mercoledì il vero picco dell'afa, con una previsione da livello rosso (ondata di calore con condizioni meterologiche con rischio per la salute) in ben 15 città sparse in tutta la Penisola, nelle quali le temperature sfioreranno i 40 gradi percepiti.

Per la giornata di martedì il bollettino sulle ondate di calore della Protezione civile prevede un livello arancione in 12 città (Bologna, Brescia, Campobasso, Civitavecchia, Firenze, Frosinone, Latina, Messina, Milano, Palermo, Torino e Trieste) e un livello rosso in altre 5 (Bolzano, Perugia, Pescara, Rieti e Roma, dove sono attese temperature massime percepite di 38 gradi). A Bergamo la massima dovrebbe fermarsi a 30 gradi.

Mercoledì il termometro schizzerà ancora più in alto: su 27 città monitorate dalla Protezione civile, per 19 sono previste situazioni con livelli arancione o rosso. Di queste, ben 15 saranno da allarme rosso: a Bolzano, Bologna, Brescia, Civitavecchia, Firenze, Frosinone, Latina, Messina, Milano, Palermo, Perugia, Pescara, Rieti, Roma e Trieste le temperature raggiungeranno quasi i 40 gradi. Livello arancione invece a Campobasso, Napoli, Venezia e Verona. A Bergamo invece sono attesi temporali e massime attorno ai 30 gradi.

A trovare un momento di refrigerio sarà solo chi ha deciso di passare qualche giorno in montagna, sulle Alpi o sulle Dolomiti, dove sia martedì che mercoledì sono previsti rovesci e temporali sui settori alpini e prealpini centro-occidentali e sul Trentino Aldo Adige.

Le precauzioni da adottare contro il gran caldo sono sempre le stesse (bere molta acqua, mangiare leggero, non uscire nelle ore più calde della giornata, usare vestiti traspiranti), con particolare attenzione agli anziani e ai bambini.

r.clemente

© riproduzione riservata