Mercoledì 20 Luglio 2011

Da Trescore a Valbondione
Cresce la rete degli ostelli

Cresce la rete degli ostelli in Lombardia: grazie anche a un bando regionale che cofinanzia la realizzazione di nuove strutture ricettive «low cost» o la ristrutturazione di quelle esistenti, nei prossimi mesi (la conclusione dei vari progetti è prevista al massimo per la fine del prossimo anno) alla ventina di strutture già attive sul territorio regionale se ne aggiungeranno circa sessanta.

E la Bergamasca farà decisamente la sua parte, con raddoppio di queste strutture: ai dieci ostelli attualmente presenti nella nostra provincia (tra cui quello di Trescore, freschissimo d'inaugurazione) se ne aggiungeranno infatti altri nove, grazie a una serie di progetti partiti (o in partenza) nelle nostre valli, ma pure in pianura.

Aprirà a metà luglio, per esempio, l'ostello «Il sentiero», da 38 posti, a Corna Imagna. È costato circa 170 mila euro, di cui 109 mila messi in campo dalla Regione. Il Pirellone, infatti, si è fatto promotore, con un bando emanato nel 2009, della nascita di nuovi ostelli, da realizzare attraverso il recupero di immobili già esistenti e in disuso.

L'elenco orobico include varie realtà: oltre al «Tre Corone» di Trescore, nel vecchio albergo delle terme, si va da Valbondione, dove si recupera a scopo ricettivo (lavori al via per i primi di agosto) l'ex edificio delle elementari di Lizzola, a Oltressenda Alta (frazione Valzurio). A Colere lavori appena partiti per una nuova struttura nell'ex canonica. La realizzerà la parrocchia: l'intervento, del costo di 660 mila euro circa, sarà finanziato al 70% dalla Regione. Ostelli in arrivo pure nella frazione di Olera, ad Alzano, con la parrocchia di San Bartolomeo (avrà una quarantina di posti, nell'ex asilo), e ad Albino.

Passando dalle valli alla Bassa, a Torre Pallavicina volgono al termine i lavori per un ostello a cura del Consorzio del Parco dell'Oglio Nord. Il Cai di Bergamo darà invece vita a un ostello «d'alta quota» nel vecchio rifugio Curò.

Leggi di più su L'Eco del 20 luglio

e.roncalli

© riproduzione riservata