Giovedì 11 Agosto 2011

Contratti di apprendistato per studenti
Accordo fra Regione e Università

Un contratto di apprendistato per l'alta formazione, che consente di incrementare il numero di giovani assunti, offrendo loro garanzie di maggiore stabilità rispetto ad altre forme contrattuali «deboli» come le collaborazioni o i «tempi determinati» e rispondendo alle reali necessità delle imprese.

E' quanto prevede uno schema di accordo di collaborazione tra Regione Lombardia e il sistema universitario lombardo. Gli atenei coinvolti sono l'Università degli Studi di Milano, il Politecnico, l'Università Milano-Bicocca, l'Università Cattolica del Sacro Cuore, la Libera Università di Lingue e Comunicazione (IULM), le Università degli Studi di Bergamo, Brescia e Pavia, l'Università Carlo Cattaneo (LIUC) di Castellanza (Va).

L'iniziativa si rivolge ai giovani di età compresa tra i 18 e i 29 anni: devono risultare iscritti al secondo o terzo anno di un percorso di laurea triennale o al secondo anno di un percorso di laurea magistrale in una delle università che aderiscono all'accordo e disporre di un numero di Crediti Formativi Universitari (CFU) compreso tra un valore minimo e massimo che sarà fissato, tra poche settimane, nelle Linee Guida definite tra Regione Lombardia e Università.

L'accordo sarà valido per il triennio 2011-2014. La durata prevista per il contratto di apprendistato in alta formazione non potrà superare i 36 mesi per il conseguimento del titolo di laurea e di 24 per il titolo di laurea magistrale.

La formazione dell'apprendista è legata al titolo di studio da conseguire attraverso il percorso di apprendistato e prevede formazione aziendale, formazione curricolare (docenze frontali, project work) e studio individuale, che sarà supervisionato sia da un tutor formativo che da un tutor aziendale.

e.roncalli

© riproduzione riservata