Martedì 06 Settembre 2011

Guasto alla linea dell'alta tensione
Disagi risolti in Alta Val Brembana

Una santabarbara fuori programma, ma per fortuna tutto sotto controllo. Esplosioni e bagliori hanno rotto la quiete l'altra notte in Alta Val Brembana, dove si è verificato un guasto alla linea dell'alta tensione che dalla Centrale «Bordogna» in comune di Moio de' Calvi conduce l'energia a valle, a San Pietro d'Orzio, sopra San Giovanni Bianco.

La rete di trasmissione fa capo a Terna, che con oltre 63.000 chilometri di linee è proprietario e gestore della Rete di Trasmissione Nazionale di energia elettrica ad alta tensione. «Attorno alle 23.40 di lunedì – spiegano i tecnici di Terna – si è verificata la rottura di un conduttore dell'elettrodotto 132 kv T.403. L'evento, riconducibile alla perturbazione meteo presente nella zona al momento del guasto, è stato provocato dalla caduta al suolo di un abete morto, ubicato all'esterno della fascia di rispetto della linea elettrica, in area boschiva del comune di Moio. Non sono stati rilevati danni a persone o cose e subito siamo intervenuti sul posto per le procedure del caso».

In valle gli scoppi e i lampi provocati dal guasto hanno fatto pensare ai residui del temporale pomeridiano spostatosi verso la Valle Seriana, mentre qualcuno ha sorriso sperando in una replica degli spettacolari fuochi artificiali proposti sabato a Lenna in occasione della festa della Madonna della Coltura. Alcuni lettori hanno invece espresso preoccupazione, inviando messaggi anche alla redazione web de L'Eco di Bergamo, segnalando «esplosioni sopra la diga del Bernigolo e luci che a intermittenza, attorno alle 23.30, hanno illuminato la valle». I tecnici di Terna hanno lavorato alacremente nella giornata di martedì 6 settembre per ripristinare la piena funzionalità della linea danneggiata, concludendo i lavori attorno alle 17.

fa.tinaglia

© riproduzione riservata