Domenica 11 Settembre 2011

In stazione terzo sportellista
e nuove biglietterie automatiche

Due nuove biglietterie automatiche e tre sportellisti a disposizione degli utenti che devono acquistare i biglietti del treno o rinnovare gli abbonamenti. Dopo oltre un mese abbondante di caos in biglietteria, le novità tanto attese alla stazione ferroviaria di Bergamo, finalmente si sono realizzate. «Meglio tardi che mai», viene da dire, dopo settimane di proteste dei pendolari e promesse non mantenute dalle Ferrovie dello Stato.

Quest'ultima infatti - vista la situazione vergognosa di code davanti agli sportelli per tutto agosto - aveva promesso il terzo sportellista già da lunedì 29 agosto mentre in realtà si è materializzato solo l'altro ieri mattina. Una settimana abbondante dopo. Rispettata la parola data agli utenti attraverso il giornale, invece, sui tempi d'installazione delle nuove biglietterie automatiche. Da giovedì sera sono regolarmente in funzione.

La novità più interessante riguarda proprio l'installazione delle due nuove macchinette self service per il cosiddetto «biglietto veloce»; i due «pilastri» gialli che in tutti questi anni hanno dispensato a singhiozzo, perché troppo spesso guasti, titoli di viaggio istantanei al centro della stazione non ci sono più.

Le nuove biglietterie automatiche sono state incastrate nel quinto sportello della biglietteria. Accettano sia soldi (banconote o monete) sia carte di credito e sono state ben accolte dagli utenti perché molto più pratiche e intuitive di quelle vecchie che facevano letteralmente disperare i pendolari.

Per completare l'opera manca solo l'ultimo tassello: le Ferrovie dello Stato, infatti, attraverso «L'Eco» del 25 agosto avevano promesso, dal 7 settembre in poi, tre nuove macchinette self service. Sui tempi di consegna ci siamo ma manca ancora una macchinetta.

Fra le cose che ancora non vanno c'è da segnalare l'ennesima rottura delle obliteratrici gialle: le due macchinette a ridosso della scaletta che porta al sottopassaggio in via Gavazzeni sono guaste e vanno quanto prima aggiustate da Trenord che è responsabile del loro funzionamento.

Sempre in merito di obliteratrici, accanto alle solite macchinette gialle, in queste ultime settimane sono comparse anche le prime tre obliteratrici blu, completamente nuove, installate da TreNord. Va chiarito che tutti i biglietti cartacei vanno ancora timbrati nella classica obliteratrice gialla, mentre in quella blu di nuova generazione vanno inseriti solo i biglietti magnetici elettronici.

Leggi di più su L'Eco di domenica 11 settembre

m.sanfilippo

© riproduzione riservata