Venerdì 30 Settembre 2011

Scontro auto-moto a Pedrengo
Muore un sedicenne di Scanzo

Stava ritornando a casa da scuola, in sella alla sua motocicletta comprata da poche settimane. Daniele Sala, 16 anni di Scanzorosciate, è morto in un incidente stradale venerdì pomeriggio alle 14 sulla strada nel centro di Pedrengo.

Il ragazzo stava viaggiando in sella alla sua Ktm in direzione di Scanzorosciate. È molto probabile che il giovane motociclista stesse sorpassando la colonna di auto che in quel momento si era formata lungo la strada. Arrivato all'altezza della pizzeria Da Oscar, è stato travolto da una Volkswagen Golf guidata da E. M., un marocchino di 30 anni residente anche lui a Scanzorosciate.

Secondo una prima ricostruzione della dinamica dell'incidente effettuata dalla polizia locale di Pedrengo, la Golf è sbucata su via Kennedy all'improvviso, da un parcheggio laterale, e il 16enne non è riuscito a evitarla in tempo. Nell'impatto contro il parabrezza della macchina, Daniele Sala è caduto dalla sella ed è stato sbalzato sull'asfalto. L'impatto è stato molto violento, tanto che il casco del ragazzo è rimasto incastrato nel fanale dell'autovettura. Sembra che sia stato il manubrio della sua moto a trafiggere l'arteria femorale del giovane motociclista. Il ragazzo è morto probabilmente proprio a causa del profondo taglio che si era procurato.

E. M. invece si è ferito lievemente ed è stato medicato all'ospedale Bolognini di Seriate.

All'incidente mortale ha assistito un automobilista di passaggio lungo via Kennedy, che ha subito chiamato i soccorsi. Sul posto è intervenuto il 118 con alcune ambulanze: il personale medico non ha potuto far altro che constatare il decesso del 16enne. In via Kennedy sono intervenuti gli agenti della polizia locale di Pedrengo che hanno svolto i rilievi per definire la dinamica dello scontro. In loro ausilio è arrivata anche la polizia stradale.

Dopo l'incidente la salma è stata portata nella camera mortuaria del cimitero di Pedrengo. L'autorità giudiziaria ha emesso subito il nulla osta restituendo il corpo ai familiari della vittima. In serata la salma è stata composta nella camera ardente allestita a casa, in via Maestri del Lavoro, al civico 16, nella frazione Rosciate.

Fin dal primo momento, ieri pomeriggio, molti amici e conoscenti si sono stretti attorno alla famiglia Sala distrutta per l'improvvisa disgrazia. Il funerale sarà celebrato lunedì alle 15 nella chiesa parrocchiale di Rosciate.

Leggi di più su L'Eco in edicola sabato 1 ottobre

m.sanfilippo

© riproduzione riservata