Martedì 15 Novembre 2011

Carmine, Brusaporto si mobilita
Una lotteria per pagare le spese

«La speranza è un essere piumato che si posa sull'anima, canta melodie senza parole e non finisce mai», così scriveva Emily Dickinson e così dev'essere per i genitori di Carmine Testa, un ragazzo di 17 anni che da due anni, a seguito di un incidente in motorino, vive in stato vegetativo.

La speranza ha trovato un confortevole nido d'amore in mamma Tiziana e in papà Roberto, il cui obiettivo e ragione di vita è vedere il figlio recuperare, pure a piccoli passi. «È nostro figlio – spiegano – dobbiamo tentare il tutto per tutto, dobbiamo dargli un'opportunità».

E in questa lotta Tiziana, Roberto e Carmine fortunatamente non sono soli. Ci sono i familiari, c'è nonna Rita, che da oltre due anni non torna a casa propria per accudire il nipote e sostenere i genitori, gli amici, tanti, e il paese, tutto, che per la seconda volta ha deciso di organizzare una lotteria: una parte del ricavato sarà destinata come sostegno economico per le cure alle quali viene sottoposto il ragazzo.

All'iniziativa hanno aderito negozianti, Comune, oratorio, associazioni del paese. In pochi giorni sono stati dati alla stampa circa 15.000 biglietti che ora sono in vendita a 1 euro. Circa la metà ha trovato un acquirente, altri 8.000 sono in attesa di un «padrone».

L'incidente ad agosto del 2009: Carmine si scontra con il camion della racconta differenziata e la corsa verso gli Ospedali Riuniti di Bergamo lo salva. Ma le conseguenze, per Carmine, sono pesanti. Servono cure particolari per tentare la riabilitazione. L'ultima terapia in ordine di tempo a cui la famiglia si è affidata si è tenuta a ottobre a Innsbruck, in Austria. Nella clinica «Tilak-Landeskrankenhaus Hochzirl» Carmine è stato sottoposto a una terapia consigliata loro dal professore di neurochirurgia Leopold Saltuari e che prevede l'utilizzo di macchinari e metodi speciali.

L'estrazione della lotteria avverrà nel corso de «I mercatini di Natale» a dicembre a Brusaporto; per informazioni o per l'acquisto di biglietti rivolgersi ai negozi di Brusaporto o scrivere a [email protected]

Leggi di più su L'Eco di Bergamo del 15 novembre

r.clemente

© riproduzione riservata