Mercoledì 16 Novembre 2011

Governo Monti, consensi dal Pdl
Saffioti è dubbioso su Passera

Orgoglio per Terzi di Sant'Agata, ottima la Cancellieri agli Interni, forti perplessità su Passera allo Sviluppo economico: ecco in sintesi il giudizio di Carlo Saffioti, coordinatore provinciale del Popolo della Libertà nonché consigliere regionale, sulla lista dei ministri del nuovo esecutivo guidato da Mario Monti, ufficializzato da poche ore.

«M'inorgoglisce la scelta, ricaduta su un bergamasco, per l'importante ruolo di ministro degli Esteri. Giulio Terzi di Sant'Agata è persona di grande spessore professionale - afferma Saffioti -. Anna Maria Cancellieri è adatta al ruolo di ministro degli Interni: come prefetto di Bergamo ha dimostrato grande competenza, attenzione all'operatività ma anche alle differenti sensibilità manifestate dal territorio».

Più di qualche dubbio, invece, Saffioti lo solleva sul neoministro allo sviluppo economico e infrastrutture: «Corrado Passera è persona di valore ma non è mai stato troppo sensibile alle esigenze delle piccole e medie imprese, che sono il nerbo dell'economia italiana e bergamasca. È troppo espressione di quel mondo bancario e finanziario che da una parte è alla base della crisi e dall'altra non risponde agli interessi nazionali. Vedremo cosa farà».

L'onorevole Gregorio Fontana, deputato bergamasco de Il Popolo della Libertà, ha dichiarato: «Come parlamentare bergamasco esprimo l'orgoglio e la soddisfazione della nostra provincia per la nomina di Giulio Terzi di Sant'Agata, a ministro degli Esteri e di Anna Maria Cancellieri, a ministro dell'Interno, personalità eccellenti legate per nascita o per esperienza professionale al nostro territorio».

«Mi auguro che il Governo Monti possa operare con serenità perché l'Italia possa fare le cose che sono necessarie per superare la crisi economica internazionale. L'alto profilo dell'organigramma dei ministri è senza dubbio un segnale positivo. Mi auguro che il programma e l'operato in concreto, del nuovo esecutivo, sia all'altezza delle personalità che lo compongono. Se sarà così troverà il pieno appoggio del Popolo della Libertà».

L'esecutivo a guida Monti pare aver colto nel segno fra i parlamentari del Popolo della Libertà. Maria Alessandra Gallone, senatrice bergamasca, si dichiara disponibile a sostenerlo lealmente in aula se gli accordi saranno rispettati: «Mario Monti ha seguito le indicazioni arrivate dal Pdl e ha presentato un governo composto di soli tecnici e istituito col mandato esclusivo di contrastare la grave aggressione dei mercati contro l'Italia - dichiara - Per questo voteremo la fiducia, e lo dico nonostante io stessa mi sia spesa perché si andasse subito alle elezioni: sono convinta infatti che la sovranità popolare debba sempre stare al primo posto. Ecco perché appena superata l'emergenza si deve tornare alla normalità democratica».

La senatrice Gallone commenta la composizione del nuovo esecutivo: «Nelle sue fila ci sono tre donne in dicasteri importanti (interni, giustizia, welfare), e questo è un fatto senza dubbio positivo - afferma -. In particolare, grande è stata l'emozione nel vedere un cara amica agli interni: Anna Maria Cancellieri è una persona deliziosa e soprattutto professionalmente competente e determinata. A Bergamo ha lasciato un ricordo positivo in tutti. Sono certa che ha accettato il ruolo spinta dal senso di responsabilità che l'ha sempre contraddistinta».

Parole di stima arrivano anche nei confronti di Giulio Terzi di Sant'Agata: «Da bergamasca mi fa molto piacere avere un nostro concittadino al dicastero degli esteri - dichiara -. Si tratta di una persona nota per un brillantissimo percorso nella diplomazia, affronterà il compito affidatogli con impegno e competenza. E credo che la sua "bergamaschità" sarà un valore aggiunto». «A entrambi e a tutto il governo dico: in bocca al lupo, avete un lavoro importante e difficile da compiere», conclude la Gallone.

m.sanfilippo

© riproduzione riservata