Lunedì 30 Gennaio 2012

Nella Bassa cause in aumento:
ma il Tribunale è vecchio e stretto

Fino a qualche mese fa era un porto di mare: gente che andava e veniva senza nessun controllo. Ora al tribunale di Treviglio c'è il metal detector e le telecamere e qualche effetto l'hanno già prodotto: una decina di persone fermate con armi da taglio e la presenza fissa di un militare.

Merito del Comune (Giunta Borghi) che la scorsa primavera ha messo mano al portafoglio e provveduto a dotare il tribunale almeno di un sistema di sicurezza. Ma c'è tanto da fare.

L'edificio del '400 che lo ospita da sempre nel cuore di Treviglio mostra i segni del tempo, in più deve fare i conti con il vincolo imposto dalla Sovrintendenza che impedisce interventi necessari come un ascensore per il trasporto dei disabili.

Il tribunale di Treviglio è una delle tre sedi distaccate di Bergamo (con Grumello e Clusone) su cui pende la spada di Damocle della riorganizzazione della giustizia. Dicasi decreto (ora legge) che prevede la soppressione delle sedi con meno di 15 magistrati giudicanti.

A che punto sia la vicenda, neppure gli addetti ai lavori lo sanno. Si aspetta qualche segnale da Roma. Nel frattempo il lavoro non manca. All'ufficio giudiziario di Treviglio fanno capo 41 Comuni, qualcosa come 230.000 abitanti e le cause sono in aumento.

Nel 2011 per il civile sono state 1.099 le cause, 374 le sentenze emesse e 546 le udienze; per il penale 633 i procedimenti iscritti, 564 le sentenze e le 115 udienze.

Leggi tutto su L'Eco di Bergamo del 30 gennaio

r.clemente

© riproduzione riservata