Lunedì 30 Gennaio 2012

«Violata la legge sulla pornografia»
Nuova truffa segnalata nella Bergamasca

La segnalazione arriva dal Movimento Consumatori che denuncia una truffa informatica con l'utilizzo del nome della Guardia Di Finanza. «Alla sede del Movimento Consumatori - spiega Enea Guarinoni - sono pervenute alcune segnalazioni di cittadini che, in questi giorni, appena acceso il computer hanno trovato una schermata in cui compare in grande la scritta:"Guardia Di Finanza insieme per la legalità", con il simbolo della Repubblica Italiana. La scritta prosegue in questo modo: "Attenzione attività illegale nel vostro sistema operativo - avete violato la legge in materia di pornografia minorile - zoofilia- pedopornografia"».

L'inquietante comunicazione prosegue minacciando il blocco del computer, a meno che non si paghi una multa di 100 euro, utilizzando modalità di pagamento con carta di credito o altro. «Si tratta dell'ennesimo tentativo di truffa informatica, intuibile anche dall'esame del linguaggio, un italiano approssimativo, e dalla pretesa di "sanare" gravi quanto inesistenti violazioni di legge attraverso il pagamento di una sanzione - continua Guerinoni - . Il Movimento Consumatori ha interpellato la Guardia di Finanza, il cui nome è utilizzato illegalmente, che conferma, anche a seguito di numerose segnalazioni ricevute direttamente al proprio centralino, che siamo di fronte a un tentativo di truffa ai danni degli utilizzatori di computer».

fa.tinaglia

© riproduzione riservata