Mercoledì 01 Febbraio 2012

«Yara, sostituite il pm Ruggeri»
Idv e Udc polemiche con Belotti

È polemica sull'iniziativa dell'assessore regionale al territorio, Daniele Belotti, che ha avviato una raccolta di firme tra sindaci, consiglieri provinciali, della Regione e parlamentari per chiedere «la sostituzione pubblico ministero Letizia Ruggeri», impegnata sul caso di Yara.

«La petizione di cui l'assessore regionale Belotti si è fatto promotore è priva di consistenza istituzionale e non avrà alcuna efficacia, se non quella di regalare un po' di visibilità allo stesso Belotti». Così il consigliere regionale dell'Italia dei Valori Gabriele Sola commenta la petizione relativa al caso Yara, lanciata dall'assessore leghista per chiedere «la revoca del pm incaricato Letizia Ruggeri o l'affiancamento di un pm di provata esperienza».

«Lasci Belotti - prosegue Sola - che siano le autorità competenti a valutare nel merito questa vicenda. Se le questioni giudiziarie lo appassionano tanto, si concentri semmai sulle inquietanti vicissitudini che riguardano la sua giunta».

«Non ci stupisce certo che l'assessore non sia molto ferrato sulla geografia delle competenze istituzionali, ma provando ad ergersi a giudice della condotta di un magistrato supera le aspettative anche dei più disincantati. Se poi smania dalla voglia di "giocare" in un campo diverso, al di fuori delle sue deleghe, si accontenti di quello dell'Atalanta ed eviti di strumentalizzare tragedie come quella che ha colpito la famiglia Gambirasio».

Nella vicenda interviene anche l'Udc: «Non comprendiamo questa iniziativa, secondo noi i partiti devono stare fuori e rispettare il dolore della famiglia, oltre che le competenze e i ruoli di ognuno».  È quanto hanno dichiarato in un nota i vertici regionali dell'Udc in Lombardia, commentando la raccolta firma intrapresa da Daniele Belotti, assessore regionale leghista, con l'obbiettivo di chiedere «la sostituzione o in alternativa l'affiancamento» della dott.ssa Letizia Ruggeri, pm impegnato nelle indagini sull'omicidio di Yara Gambirasio.

Il Consigliere regionale bergamasco, Valerio Bettoni e il coordinatore lombardo, onorevole Savino Pezzota, hanno inoltre «ribadito la solidarietà alla famiglia» e sottolineato «il rischio di una sterile strumentalizzazione politica che potrebbe proviene dal desiderio di cavalcare i fatti di cronaca».

«Non vedo cosa dovrei commentare - interviene, interpellato, il procuratore aggiunto Massimo Meroni -. Tra l'altro mi sento di dire che in questa Procura tutti i sostituti lavorano al meglio delle loro capacità, e lo fanno con coscienza e serenità». Lo stesso pm Ruggeri, sentita in merito, aveva rimarcato di non voler replicare, precisando però: «Quelle che sento sul mio conto sono parole a vanvera: vengono sciorinate una serie di circostanze frutto della non conoscenza degli atti svolti. Strenuamente difendo questa indagine e il segreto istruttorio. Si lavora senza sosta a questo caso, e ho creato un pool composto da investigatori di prim'ordine, con i quali c'è massima sintonia».

r.clemente

© riproduzione riservata