Venerdì 10 Febbraio 2012

Caso Yara, Belotti riscrive la lettera
«Nella prima missiva parole fuori luogo»

La lettera-petizione, con cui si chiede la sostituzione o l'affiancamento di un pm di provata esperienza e capacità a Letizia Ruggeri, nel coordinamento delle indagini sul caso di Yara Gambirasio è stata spedita al Ministro della Giustizia, Paola Severino, al presidente del Consiglio superiore della Magistratura, al Procuratore generale della Corte d'Appello di Brescia e al Procuratore aggiunto del Tribunale di Bergamo. Lo comunica Daniele Belotti, in qualità di consigliere regionale.

«Il documento – precisa Daniele Belotti - nonostante le decine di adesioni da parte di rappresentanti di enti istituzionali e gli innumerevoli messaggi di sostegno da parte di comuni cittadini di tutta Italia, è stato inviato solo con la firma del sottoscritto e questo proprio per evitare ad altri il rischio di vedersi coinvolti nella querela che, da notizie di stampa, la dott.ssa Ruggeri sembra abbia presentato o abbia intenzione di presentare».

«Al riguardo – prosegue il consigliere regionale Belotti - mi preme precisare che il testo spedito oggi non contiene l'inciso che sarebbe eventuale oggetto della querela, parole che ammetto essere state infelici e fuori luogo, dettate unicamente dalla grande delusione ed amarezza del momento in cui avevo saputo che la richiesta di accesso agli atti presentata dal legale della famiglia Gambirasio era stata respinta quasi immediatamente e con la sola motivazione del segreto istruttorio».

«Ho appreso con favore dalla stampa che la dott.ssa Ruggeri qualche giorno fa ha convocato i genitori di Yara, immagino, per dare loro, qualche spiegazione. Ed è proprio questo tipo di disponibilità, anche e soprattutto umana, che probabilmente è mancata precedentemente nella comunicazione del diniego all'accesso agli atti e che ha causato profonda amarezza in me e in tantissimi altri cittadini che mi hanno scritto, sottolineandolo nelle loro e-mail. Come ho già avuto modo di precisare, ribadisco ancora una volta che quelle parole “infelici” presenti nella prima versione della versione della lettera sono state dettate dall'emozione del momento ed erano circoscritte alla circostanza specifica e a quell'episodio, non certamente alla persona della Dott.ssa Ruggeri, che peraltro non conosco. Spero sinceramente – conclude Daniele Belotti – che la Procura, per la risoluzione di un caso che ha colpito tutti i bergamaschi e tutti gli italiani, possa mettere in campo il meglio delle risorse tecniche e umane a sua disposizione perché l'unica cosa importante è che il colpevole di questo grave delitto possa essere al più presto individuato ed assicurato alla giustizia. E, se sarà proprio la dott.ssa Ruggeri ad ottenere questo risultato, sarò tra i primi a complimentarmi con lei e ad ammettere di essermi sbagliato».

fa.tinaglia

© riproduzione riservata