Sabato 11 Febbraio 2012

Città Alta, tanti vip in campo:
«no» ai negozi da mordi e fuggi

Città Alta non si tocca. Perchè è come toccare la Bellezza con la B maiuscola. «Il minimo che posso fare è metterci la mia firma: la Corsarola va preservata. E ammiro i miei concittadini che stanno portando avanti questa battaglia per salvaguardare un posto unico al mondo».

A dirlo è Giorgio Pasotti, l'attore nato tra le Mura Venete, che oggi vive a Roma con la compagna e attrice Nicoletta Romanoff. È uno dei 335 cittadini che hanno inviato una lettera al sindaco Franco Tentorio per salvaguardare il centro storico di Città Alta dai negozi fatti «per il turismo mordi e fuggi, più adatti a un centro commerciale» che alla bellezza del borgo antico.

E con Giorgio Pasotti, leggendo con un po' di attenzione i nomi dei firmatari della lettera inviata al sindaco e alla stampa, si trovano altri personaggi famosi: costruttori, ristoratori, librai, giornalisti e tanti, tantissimi residenti di via Arena, Piazza Vecchia, Porta Dipinta, via Gombito. Tanti bergamaschi amanti di Bergamo Alta. Molti i personaggi noti a livello internazionale che hanno sottoscritto l'appello: tra gli altri il cardiochirurgo Lucio Parenzan, il pittore Mario Donizetti e un celebre documentarista, viaggiatore di ogni latitudine, come Folco Quilici.

Leggi tutto su L'Eco di Bergamo dell'11 febbraio

r.clemente

© riproduzione riservata