Giovedì 23 Febbraio 2012

Basta «furbetti» a Palafrizzoni
Ora c'è il Regolamento disciplinare

La Giunta di Palafrizzoni su proposta dell'assessore al Personale Marcello Moro ha approvato il Regolamento per i procedimenti disciplinari, che presto verrà pubblicato sul sito dell'ente. È immediatamente applicabile, perché non necessita del passaggio in Consiglio comunale. Questo è il primo regolamento di questo tipo, perché il Comune - nonostante i decreti legge - ne era sprovvisto.

«Finora – spiega l'assessore Moro – ogni responsabile di settore si rifaceva al contratto collettivo nazionale, che però dà adito a interpretazioni diverse. Con questo strumento, completo, trasparente, preciso, circostanziato e chiaro, si indicano 19 casi concreti e le rispettive sanzioni previste, dando linee guida uguali per tutti i circa mille dipendenti di Palafrizzoni. Da oggi ognuno saprà in quali sanzioni rischia di incorrere nel caso di infrazioni durante lo svolgimento del proprio incarico. È uno strumento utile per la diffusione della legalità nel nostro ente dove, è bene ribadirlo, i comportamenti corretti e la professionalità sono comunque preponderanti».

Le sanzioni sono ordinate per gradualità e gravità (maggiore in caso di recidiva) e comprendono anche la sospensione per alcuni giorni o mesi dal servizio, nonché la privazione della retribuzione per dei periodi stabiliti (da 10 giorni a 6 mesi) a seconda delle omissioni o delle responsabilità, e multe. Tutto, ovviamente, a norma di legge e contrattuale. Tra i comportamenti puniti, l'assenza priva di valida giustificazione o la falsa attestazione di presenza in servizio; l'ostacolo all'attività dell'ente provocando gravi ritardi o inadempienze nell'erogazione dei servizi agi utenti.

Per saperne di più leggi L'Eco di Bergamo del 23 febbraio

fa.tinaglia

© riproduzione riservata