Venerdì 02 Marzo 2012

Si finse avvocato con i carabinieri
Azzeccagarbugli patteggia 6 mesi

Ha patteggiato sei mesi, con pena sospesa, il finto avvocato di Lovere che aveva provato a farla in barba proprio ai carabinieri. Lo scorso settembre  il falso Azzeccagarbugli, un 47enne di Bergamo domiciliato a Seriate, era stato denunciato a piede libero dai carabinieri di Lovere con l'accusa di esercizio abusivo della professione, false attestazioni a pubblico ufficiale e usurpazione di titolo.

Il finto avvocato si era presentato in caserma dicendo di voler assistere un imprenditore della zona che era stato convocato dai militari per una serie di accertamenti giudiziari disposti dalla procura. Il 47enne di Seriate ne sapeva, eccome, di leggi, di norme, di codici, di articoli e di commi, ma non aveva con sé il tesserino dell'ordine degli avvocati. Questo elemento ha fatto insospettire i carabinieri che hanno iniziato a chiedergli in quale foro esercitasse la sua professione. Di fronte a questa domanda, la toga immaginaria ha iniziato a tentennare dicendo di lavorare a Bergamo, poi a Brescia, poi a Milano. A quel punto i carabinieri di Lovere hanno controllato via Internet l'elenco degli avvocati, quelli veri, ed è risultato che l'uomo non era affatto un avvocato. Sono scattati quindi ulteriori accertamenti che hanno rivelato come l'uomo fosse già noto alle forze dell'ordine per truffe compiute in passato. In particolare si era già spacciato come consulente aziendale per dirimere questioni legali e commerciali e aveva già ingannato altri imprenditori spacciandosi come avvocato esperto in diritto commerciale.

I carabinieri di Lovere lo hanno quindi denunciato ma il quarantasettenne di Seriate è rimasto a piede libero. Nella mattinata di venerdì 2 marzo il patteggiamento a sei mesi con sospensione della pena.

fa.tinaglia

© riproduzione riservata