Domenica 11 Marzo 2012

Successo per «Miracol si grida»:
5.000 spettatori a Treviglio

La coreografica rivisitazione del «Miracol si grida» è andata in scena domenica pomeriggio nel centro storico di Treviglio, quest'anno posticipata di una settimana per il maltempo.

Cinquemila persone sono state richiamate dall'iniziativa organizzata dalla Pro loco e giunta alla 12ª edizione, che in pratica ha chiuso i festeggiamenti della «Madonna delle lacrime», celebrata l'ultimo giorno di febbraio.

Ed è proprio sulla lacrimazione della Madonna, avvenuta il 28 febbraio 1522, che si è basata la rievocazione, caratterizzata dal corteo storico di 180 figuranti appartenenti alle compagnie teatrali trevigliesi, rigorosamente vestiti con costumi ispirati al periodo medievale, disegnati e confezionati dal «Gruppo Bartolomeo Colleoni» di Martinengo.

Quest'anno a catalizzare l'attenzione anche la presenza, tra i figuranti, del sindaco di Treviglio Giuseppe Pezzoni che ha indossato le vesti del console di Porta Zeduro. Ad affiancarlo nell'insolita recita anche il capogruppo consiliare del Pdl, Andrea Cologno, cui è toccato la parte del console di Porta Torre.

Scelta di regia, e non politica, quella di affidare la parte di popolano al leghista Giulio Ferri, consigliere comunale di maggioranza. Dopo la sospensione dello scorso anno, la rivisitazione del miracolo è stata nuovamente proposta e largamente apprezzata.

Tutto su L'Eco di Bergamo del 12 marzo

r.clemente

© riproduzione riservata