Martedì 13 Marzo 2012

Riuniti, via libera all'accordo:
la nuova asta si terrà a giugno

Il collegio di vigilanza per l'integrazione all'accordo di programma, presieduto dal presidente della Regione Roberto Formigoni, ha dato il via libera: la nuova asta per la vendita dell'area dei vecchi Riuniti si terrà a giugno.

La decisione è arrivata nella giornata di martedì, 13 marzo: il protocollo, che doveva essere ratificato nel collegio di vigilanza per approdare all'integrazione del nuovo accordo di programma (che vede in campo Azienda ospedaliera, Regione, ministero, Comune e Provincia) ha già l'ok di Palazzo Frizzoni e Università, che hanno trovato l'accordo sulle volumetrie di rispettiva competenza.

L'ateneo otterrà un centro sportivo di 5.000 metri quadrati, realizzato dall'operatore privato vincitore dell'asta e di proprietà del Comune, che lo darà in uso all'Università con un canone calmierato; inoltre all'Università spetteranno alloggi per studenti e docenti per un totale di 10 mila metri quadrati realizzati dall'ateneo con finanziamenti per l'edilizia universitaria.

Il Comune avrà più servizi per il quartiere e la cittadinanza: un centro di aggregazione giovanile, una ludoteca, un asilo e una residenza per anziani.

Ai Riuniti spetterà la Casa Rossa dovrà avrà sede la Fondazione di ricerca ospedale maggiore e la Quadreria. Tutto il resto all'operatore privato che vincerà l'asta, per una realizzazione urbanistica complessiva di 130 mila metri quadrati di strutture e 100 mila di giardini e piazze a uso pubblico.

Dopo l'ok del collegio di vigilanza, l'integrazione all'accordo di programma dovrà avere il varo di Giunta e Consiglio comunale di Bergamo e del Pirellone. Quindi Infrastrutture lombarde potrà bandire l'asta, fissata appunto a giugno. La prima, andata deserta, è del settembre 2009.

Nel ringraziare tutti i partecipanti al tavolo per il lavoro svolto nell'ambito dell'accordo di programma, Formigoni ha ribadito la necessità di «una costante e forte collaborazione tra tutti i soggetti coinvolti e di proseguire nell'impegno comune. Regione Lombardia ha inteso e intende accompagnare con grande attenzione questo percorso fino al termine, garantendone una piena riuscita secondo le modalità e i tempi definiti, per offrire un sempre più elevato livello di servizi ai suoi cittadini».

r.clemente

© riproduzione riservata