Domenica 15 Aprile 2012

Vilmarket, l'articolo del 18 marzo
I gestori: «Siamo gente onesta»

«Dimostreremo che i fatti così come illustrati dalla Guardia di Finanza e pubblicizzati non sono rispondenti alla realtà. Non siamo evasori, ma gente onesta che ha sempre lavorato sodo». I gestori del Vilmarket, il negozio finito al centro dell'inchiesta della Guardia di Finanza come il primo caso di evasione in Italia grazie al tasto «annulla» del registratore di cassa, difendono a spada tratta il loro lavoro.

Poche parole per ribadire che non sono evasori, che lo dimostreranno. Vilminore è un piccolo paese: circa settecento abitanti nel capoluogo (circa altrettanti nelle frazioni), una farmacia, una cartoleria, un negozio di abbigliamento e due di alimentari. Lontana dai grandi centri urbani, abbarbicata com'è su sulle montagne, ha risentito e non poco, soprattutto negli ultimi tempi, della crisi.

Un minimo comun denominatore per tutti gli esercizi di questo paese che, così come un po' ovunque, faticano a far quadrare i conti e scongiurare la chiusura. E ha stupito un po' tutti, qui, venire a conoscenza dell'inchiesta della Guardia di Finanza proprio a carico di uno dei loro negozi, che avrebbe evaso introiti da 530.000 euro.

Il Vilmarket è stato aperto nel corso del 2003 proprio nel centro del piccolo paese scalvino. In pochi anni i proprietari, arrivati in paese dalla Valle Camonica proprio nove anni fa, sono diventati «gente di famiglia». In fondo, in un ambiente così piccolo come quello della realtà scalvina non è proprio difficile conoscersi tutti. Così proprio tutti, ieri in paese, hanno visto i servizi riservati dai tg nazionali a questa vicenda.

I più giovani hanno seguito il clamore suscitato da questa «anteprima» nazionale dovuta al particolare accorgimento che i titolare del Vilmarket avrebbero usato - annullando gli scontrini fiscali emessi, così da non registrare l'incasso - anche su internet. Anche i diretti interessati hanno sentito il nome del loro negozio alle radio e in tv, ieri. E alla fine hanno voluto dire la loro sulla situazione nella quale sono coinvolti. Lo hanno fatto con poche parole che vogliono spiegare la loro posizione, «senza voler cadere in ulteriori polemiche».

m.sanfilippo

© riproduzione riservata