Lunedì 28 Maggio 2012

Tetto dall'alto in elicottero
per non rovinare il giardino

Un elicottero è meglio di una gru, è meno invasivo e costa anche di meno. Così se si devono fare lavori importanti in casa, non si vuole perdere tempo, avere tra i piedi un mostro d'acciaio e non si vuole magari rovinare il giardino, ecco la soluzione giusta, senza spendere un matrimonio.

Lo hanno pensato i proprietari di casa Bana, in via Longo 1, in Borgo Caterina, che nella mattinata di lunedì 28 maggio hanno usufruito appunto di un elicottero dell'azienda Elifly di Brescia per trasportare carpenteria in legno, capriate in gergo tecnico, da utilizzare per la ristrutturazione di parte del tetto.

Un lavoro di un quarto d'ora per calare dall'alto il materiale della Geolegno di Madone che era stato preparato in laboratorio. Al di là della velocità dell'intervento e del costo concorrenziale, c'è un motivo preciso per il quale è stato deciso di utilizzare l'elicottero.

Lo ha spiegato il geometra Bruno Palazzi, progettista architettonico (il calcolatore della struttura in legno è invece stato l'ingegner Giovanni Bosi): «Casa Bana è una dimora storica, una delle poche case padronali in città ad avere un orto urbano e un giardino vincolato con uno splendido roseto. Abbiamo deciso di ricorrere all'elicottero proprio per non rovinarli».

m.sanfilippo

© riproduzione riservata