Martedì 05 Giugno 2012

Ponteranica, una manifestazione
contro le mafie? Sì di Rifondazione

Rifondazione Comunista - che ha partecipato alla manifestazione contro la decisione del sindaco leghista di Ponteranica di cambiare l'intestazione della biblioteca comunale - ha accolto la proposta per un corteo nazionale proprio a Ponteranica contro le mafie.

La biblioteca del paese era intestata a Peppino Impastato, eroe dell'antimafia e militante comunista, ucciso dalla organizzazione criminale per il suo impegno. La manifestazione - ricorda Rifondazione -ha visto la partecipazione di circa 150 persone, tra le quali molti ragazzi e ragazze del “Movimento Studentesco” che si sono unite al corteo sotto lo slogan: “La Lega è mafia del nord”.

Hanno inoltre partecipato e animato la giornata di mobilitazione le associazioni anti-mafia di Brescia e Monza. È stato ascoltato con grande attenzione l'intervento di Giovanni Impastato, fratello di Peppino, in collegamento telefonico da Cinisi (Palermo).

La contestazione - si legge in un comunicato -si è svolta in modo pacifico ma determinato nei confronti dell'ennesimo atto scellerato della giunta leghista di Ponteranica; questo nonostante la sproporzionata presenza delle forze dell'ordine, alcune in assetto anti-sommossa. 

I manifestanti si sono diretti inizialmente davanti alla biblioteca, incrociando l'arrivo del sindaco Aldegani e della delegazione istituzionale; le persone presenti hanno promosso una intensa e sonora contestazione, il sindaco è entrato nella biblioteca subissato da fischi,  slogan e fumi colorati dei lacrimogeni.

In seguito il corteo ha tentato di spostarsi davanti alla sede del municipio. La polizia ha però impedito l'accesso alla strada. Ne è nata una lunga e difficile trattativa per ottenere che una delegazione del movimento incontrasse il sindaco.

«L'incontro - scrive Rifondazione - non ha prodotto risultati tangibili, a causa della scelta di rimuovere il ricordo di Peppino Impastato dalla cittadina. D'altra parte la decisione di Aldegani non è una scelta estemporanea. La Lega Nord, dopo la recente sconfitta elettorale, travolta da episodi di malaffare e in preda a una crescente perdita di credibilità, cerca anche in bergamasca di nascondere il proprio fallimento politico attraverso plateali provocazioni».

«La giornata di mobilitazione si è conclusa con una stimolante assemblea in cui si sono alternati al micriofono i rappresentanti delle associazioni promotrici, tra cui la Rete antimafia di Brescia e l'Osservatorio Antimafie di Monza e Brianza.  Rifondazione Comunista condivide la proposta, promossa dalle associazioni anti-mafia intervenute, di organizzare, a Settembre nel paese di Ponteranica, una grande manifestazione nazionale contro la Mafia. La nostra organizzazione si mette da subito a disposizione per preparare questo evento anche attraverso l'organizzare di un convegno a Ponteranica che analizzi la presenza delle organizzazioni malavitose nel Nord Italia e le connivenze con il potere economico e politico».

r.clemente

© riproduzione riservata