Martedì 19 Giugno 2012

Mercoledì la giornata più calda
E l'ozono continua a salire

Il caldo africano ha dato una mano all'ozono che - com'era prevedibile - si è innalzato su valori per oltre il limite. La centralina di via Goisis nella giornata di lunedì 18 giugno ha registrato 187 microgrammi per metro cubo d'aria contro i 180 del valore limite. Anche la centralina di Osio Sotto è salita a 182.

La giornata più calda - secondo gli esperti - sarà quella di mercoledì 20 giugno. Secondo il ministero della salute non siamo ancora in situazioni di allerta tale da giustificare precauzioni straordinarie rispetto alle consuetudini mediterranee che con il caldo hanno piena dimestichezza: bere molto, evitando alcolici e possibilmente bevande con zucchero, mangiare frutta fresca , agrumi, fragole , meloni e verdura colorate che proteggono dai danni provocati dall'ozono.

Sconsigliato - si legge sul vademecum pubblicato sul sito del Ministero - l'uscita a bambini molti piccoli, anziani e persone non autosufficienti durante la fascia oraria della 11 alle 18. Indossare abiti comodi e leggeri, possibilmente proteggere la testa dal sole con un cappello di colore chiaro e gli occhi con occhiali da sole. Alcune condizioni abitative (es. scarsa ventilazione, assenza di aria condizionata) possono causare disagio ed effetti dannosi sulla salute delle persone più a rischio. Questo è vero particolarmente nelle grandi città dove, per una serie di caratteristiche (superfici asfaltate, cemento degli edifici, scarsità di copertura vegetale), la temperatura, sia in estate che in inverno, è più alta rispetto alle zone rurali vicine.

Gli effetti del caldo possono inoltre essere più gravi per la presenza di elevate concentrazioni di inquinanti atmosferici, si legge ancora sul sul sito del ministero della Salute. E per tutti quelli che nel week end avranno la possibilità di andare al mare, il ministero ricorda di proteggere la pelle dai raggi solari con creme al alto schermo, consiglio rivolto in particolare ai bambini

e.roncalli

© riproduzione riservata