Giovedì 28 Giugno 2012

Da casa si portano la risma A4
In tribunale non c'è più carta

Giudici e avvocati si stanno già portando da casa le risme A4. Non possono fare altrimenti, considerando che la scorta di carta del Tribunale di Bergamo è esaurita e la Corte d'Appello di Brescia, a cui Bergamo fa riferimento, ha tagliato i fondi per l'aquisto della carta, come da indicazione del Ministero.

In sostanza al Tribunale di Bergamo non c'è più carta e se alcuni documenti si inviano e verificano in maniera telematica, ci sono molti fascicoli che necessariamente devono essere stampati e gestiti in formato cartaceo. Ma la carta è finita. Facciamo qualche conto in tasca a via Borfuro: all'anno il budget per l'acquisto della carta è stato negli ultimi tempi tra i 13 e i 15 mila euro. I soldi arrivano dal Ministero che li invia alla Corte d'Appello che li smista ai tribunali di riferimento.

Per il 2012 Bergamo ha quindi fatto come sempre: ha acquistato carta per 4 mila euro e ha poi inviato una secondo richiesta di fondi per il nuovo necessario acquisto, avendoe saurito la prima tranche. Solo da questa richiesta di nuovo denaro il tribunale ha però scoperto la brutta notizia: i fondi per la carta sono stati ridotti a un quarto dei finanziamenti e quindi Bergamo avrebbe già asaurito la sua fetta di soldi. Anzi, avrebbe già sforato di qualche euro. Incredibile ma vero, la stessa situazione riguarderà a breve anche la Procura. E se c'è chi si porta la risma da casa, acquistata al supermercato o in copisteria, per fortuna che c'è almeno la tecnologia: tanto demonizzata, questa volta è un'ancora di salvataggio.

Leggi di più su L'Eco in edicola venerdì 29 giugno

fa.tinaglia

© riproduzione riservata