Domenica 08 Luglio 2012

Disabili, via libera dal Governo
al contrassegno europeo

Il Governo ha dato il via libera all'adozione del contrassegno europeo per invalidi. La comunità europea già dieci anni fa approvò un decreto che prevedeva una riforma sui pass da assegnare agli invalidi e da apporre sulle vetture imponendo ai paesi appartenenti alla Ce di riportare sul pass stesso i dati anagrafici della persona invalida e una fotografia della stessa per evitare falsificazioni e abusi. L'Italia non aveva ancora rispettato il decreto subendo per ben due volte un richiamo ma ora sembra proprio che tutto verrà regolarizzato.

Dati anagrafici e fotografia saranno apposti sul retro del pass per motivi di privacy ma in modo che le autorità, in caso di controllo, possano accertare che la persona a bordo del mezzo sia effettivamente tenuta ad avere il certificato. Non solo dati e fotografia perché il nuovo pass prevederà anche un microchip applicato che eviterà alle persone disabili di transitare tranquillamente nelle zone a traffico limitato senza ricevere, e poi dover disdire, le multe ricevute. Il microchip servirà infatti da identificativo e questo sarà d'aiuto anche alle autorità che eviteranno così inutili e costose procedure.

“Finalmente anche l'Italia si è adeguata – ha commentato Giovanni Manzoni, presidente di Anmic Bergamo – non era ammissibile che l'Italia non rispettasse una norma europea simile sia per il principio di mancato rispetto di una legge sia per il fatto che metteva in difficoltà i disabili e dava modo a tante, troppe persone di falsificare i pass e sfruttare un servizio che non gli spettava”.

Giovanni Manzoni che ci tiene a ringraziare la senatrice Alessandra Gallone (Pdl) poiché da lei è stata fatta l'interpellanza in Parlamento, dopo le sollecitazioni dello stesso Manzoni, per venire a capo di questa vicenda.

Leggi di più su L'Eco di Bergamo oggi in edicola

e.roncalli

© riproduzione riservata