Martedì 07 Agosto 2012

Fara d'Adda, pitbull sbrana
il cagnolino di un invalido

«Era la sua unica compagnia. Ora è disperato». Non si dà pace Giovanni Villa, di Fara d'Adda, per quanto accaduto al fratello Paolo, invalido civile. Un pitbull, la scorsa settimana, gli ha sbranato il suo fido cagnolino, un bastardino di 3 anni.

«Ho voluto denunciare quanto accaduto – racconta – perché quel pitbull era senza museruola e guinzaglio. Inaccettabile. Se mio fratello avesse avuto in braccio il suo cagnolino anche lui avrebbe rischiato». L'episodio si è verificato lungo il viale del cimitero. Paolo si stava recando al camposanto insieme al suo bastardino. L'uomo, a causa di un incidente, è senza mani e un occhio. «Sul viale – racconta Giovanni – ha incrociato un pitbull senza museruola e guinzaglio e in più condotto da due ragazzi di soli 10 e 11 anni».

L'animale si è subito scagliato contro il cagnolino sbranandolo. «Mio fratello, nonostante il suo stato – racconta ancora Giovanni – ha cercato di intervenire ma non ce l'ha fatta ed è anche caduto a terra». Alla brutta scena hanno assistito altre persone. Per il bastardino, poi rilasciato dal pitbull, non c'è stato nulla da fare. Sul posto è arrivato il padre dei due giovani che tenevano il pitbull. L'uomo ha garantito che l'animale è assicurato e che qualunque danno sarebbe stato rimborsato. «Niente però – dice Giovanni – potrà ridare a mio fratello il suo cagnolino. Vive da solo e quel bastardino era la sua unica compagnia». L'episodio è stato denunciato alla polizia locale e ai carabinieri.

e.roncalli

© riproduzione riservata