Sabato 18 Agosto 2012

Trovato il volo per i bimbi russi
Torneranno a casa il 30 agosto

Si è conclusa con un lieto fine (anche se non in modo del tutto indolore dal punto di vista economico) la vicenda dei 30 bambini russi ospiti in Bergamasca: partiranno il 30 agosto da Malpensa, con un volo Alitalia.

L'agenzia incaricata dalla Delegazione famiglie bergamasche, che organizza i viaggi dei piccoli, ha trovato la disponibilità di tutti i posti necessari per il rientro su un unico volo. «Siamo molto sollevati - ha commentato Franco Rossi, della Delegazione - perché a livello burocratico riusciremo a rispettare la data prevista per il rientro e quindi non ci saranno difficoltà burocratiche per i viaggi futuri».

Trovati i posti su un unico volo, nella data prevista, «la questione economica è di secondo piano - assicura Rossi - l'importante per noi era far rientrare i piccoli senza che si creassero difficoltà burocratiche». Ma il sacrificio non è di poco conto: i biglietti costano 250 euro per ogni bambino.

«Stiamo iniziando a rastrellare i soldi – ha proseguito Rossi – per prendere subito i biglietti ed evitare di perdere i posti». Saranno le famiglie bergamasche a farsi carico del costo anche di questo «secondo» biglietto, dopo quello prenotato con Wind Jet (a cui comunque sarà chiesto un rimborso).

«Sono le famiglie che ospitano i bambini che vivono negli orfanotrofi russi della Regione di Tambov (a circa 500 chilometri a sud di Mosca) a pagare le spese per i piccoli», ha precisato Rossi. Quindi, sia le spese del viaggio, che quelle necessarie per i passaporti e i visti.

I riflettori sui piccoli russi che arrivano dagli orfanotrofi di Tambov sono stati accesi nei giorni scorsi, dopo che la Delegazione famiglie bergamasche aveva manifestato la propria preoccupazione per il viaggio di ritorno dei bambini. Per i piccoli, infatti, era stato prenotato un volo Wind Jet. Con partenza da Orio al Serio il 30 agosto. Come è noto, c'è poi stato lo stop ai voli della compagnia aerea.

Leggi di più su L'Eco di sabato 18 agosto

m.sanfilippo

© riproduzione riservata