Sabato 18 Agosto 2012

My Travel, partenze saltate
Bloccati turisti bergamaschi

Lo sognavano da settimane e per qualcuno probabilmente resterà solo un sogno. Per altri invece si è trasformato in un miraggio e non per colpa del caldo. Così, dopo lo stop nei giorni scorsi ai voli targati Wind Jet che hanno lasciato a terra centinaia di persone in partenza per le vacanze, ora tocca ad altrettante centinaia di turisti in partenza per il mare che si erano affidate a My Travel.

Il gruppo multinazionale con sede a Milano, che integra su un'unica piattaforma sia il Tour Operator (My Way) sia la linea di Villaggi (My Blue) e la rete distributiva (My Team), ha infatti comunicato ufficialmente a pochi giorni dalle partenze l'annullamento delle stesse previste sino a lunedì prossimo.

Un paio di titolari di agenzie viaggio del nostro territorio, in base a quanto ascoltato direttamente presso la sede milanese del tour operator, stimano che i quattro giorni di improvviso stop (gli scaramantici si sono subito affrettati a chiamare in causa il fatidico venerdì 17) hanno rovinato le vacanze a oltre seicento persone, molte delle quali bergamasche.

Tutta gente con le valigie pronte già da giorni, per spiccare il volo da Orio o dalla Malpensa, e godersi il sole e il mare di località quali Cipro Nord, Egitto (in pole position Sharm El Sheikh e Marsa Alam), e Isole Canarie.

«Spiace verificare che anche questa estate è ricca di brutte sorprese per tanti bergamaschi - osserva Giovanni Cotti, segretario dell'Unione bergamasca consumatori (Ubc, sede in via Tasso, 82, tel. 035.242282) -. Proprio perché ogni anno è sempre peggio, abbiamo deciso di restare aperti anche durante il mese di agosto. E i fatti ci hanno purtroppo dato ragione. Tra raggiri telefonici e truffe varie, nei nostri uffici è stato un mese di grande lavoro. Nel caso in questione, se non ci fosse il rimborso annunciato da parte di My Travel, invitiamo gli interessati a contattarci per attivare un'azione di gruppo».

Leggi di più su L'Eco di sabato 18 agosto

m.sanfilippo

© riproduzione riservata