Lunedì 03 Dicembre 2012

Successo di pianeta GourMarte
In Fiera cinque mila buongustai

Buon risultato per la prima edizione di Pianeta GourMarte. La manifestazione organizzata alla Fiera di Bergamo da Promoberg ha consentito a molti di conoscere e provare per la prima volta le eccellenze enogastronomiche lombarde.

Tra gli stand i visitatori hanno potuto degustare oltre un centinaio di prodotti accuratamente selezionati, mentre nell'area Ristorante - allestito con accurata mise en place e servizio di livello - gli appassionati hanno potuto scegliere tra i piatti simbolo che hanno caratterizzato la carriera di famosi cuochi e maestri pasticceri (ventitré big della cucina, per un totale di 26 stelle Michelin), e l'evoluzione della cucina in Lombardia.

«Tenendo conto che si trattava di una manifestazione al suo debutto - spiega Stefano Cristini, direttore Ente Fiera Promoberg - siamo soddisfatti della risposta del pubblico. In particolare siamo soddisfatti per i commenti molto positivi espressi da tutte le persone che hanno partecipato a Pianeta GourMarte: i produttori, i cuochi e il pubblico. Abbiamo allestito un evento con un format innovativo, con tour degustativi e ristorazione di alta qualità. Con una caratteristica distintiva: i prezzi, rapportati alle eccellenze presenti, sono stati per una volta davvero accessibili a tutti».

Pianeta GourMarte ha movimentato anche alcune realtà scolastiche del nostro territorio. «La nostra mission - continua Cristini - sta nell'affiancare e sostenere tutte le realtà del nostro territorio. Con Pianeta GourMarte abbiamo coinvolto molte scolaresche degli istituti alberghieri di San Pellegrino e di Nembro, e del centro di formazione professionale di Bergamo: studenti che hanno potuto confrontarsi con il meglio della loro futura professione, facendo un'esperienza unica. Ne ho visti molti emozionarsi nel lavorare a fianco dei grandi cuochi. Così come ho notato un grande confronto tra i visitatori di Pianeta GourMarte. L'aver ospitato, inoltre, le premiazioni del Premio Luigi Veronelli, ci ha consentito di portare all'attenzione della gente alcuni esempi dell'impegno verso la qualità dei prodotti. Tutti ciò conferma ancora una volta che i nostri eventi hanno anche una valenza formativa e culturale».

m.sanfilippo

© riproduzione riservata