Mercoledì 23 Gennaio 2013

Forestale, illeciti ambientali
aumentati del 20 per cento

Gli illeciti ambientali sono aumentati del 20%. È quanto emerge dal bilancio 2012 dell'attività del Corpo Forestale  dello Stato in provincia di Bergamo. In totale sono stati rilevati 672 illeciti ed elevate sanzioni amministrative  per oltre 1 milione di euro .

Il comandante Provinciale del Corpo Forestale dello Stato di Bergamo, Aldo Valenti, ha stilato il consuntivo dell'attività svolta nel corso del 2012. I dati: 6.188 controlli effettuati, 1.013 persone controllate, 672 illeciti rilevati complessivamente, dei quali 571 (+ 20,5%) per infrazioni alle normative ambientali, che hanno comportato sanzioni amministrative per un importo di 1.195.026 euro nei confronti di 640 persone, e 101 (+ 21,8%) per violazioni alle norme penali; sono risultate 699 le persone sanzionate in totale delle quali 59 sono state denunciate all'Autorità giudiziaria.

La maggior parte dei controlli (89% del totale) ha riguardato la tutela del territorio in aree montane e rurali, del paesaggio, delle risorse idriche (2.313 controlli), della fauna e della flora (795 controlli), degli inquinamenti e dello smaltimento illecito di rifiuti (719 controlli); il 10,2% ha riguardato la sicurezza pubblica (protezione civile) ed il pubblico soccorso (obiettivi sensibili e  Servizio Meteomont in 4 stazioni per la previsione delle valanghe) e quasi l'1%  per servizi di ordine pubblico.

Nei settori specifici sono stati effettuati circa 1207 controlli per la tutela degli animali (esercizio venatorio, animali d'affezione e in elenco CITES (denunce di nascita, cessione gratuita, morte, smarrimento e ritrovamento) relativa per lo più a  tartarughe e  pappagalli. Controlli sono stati effettuati anche sulle norme che regolano la raccolta di funghi (26 verbali per 665 euro di sanzioni) e per il divieto di transito dei mezzi motorizzati in montagna (31 verbali e  3.450 euro di sanzioni).

Sono stati, inoltre,  registrati  52 incendi boschivi (+ 40,4% rispetto al 2010) che hanno colpito una superficie di 91 ettari;  6 le persone denunciate e 46 gli autori ignoti; l'82,7%  degli incendi boschivi sono stati attribuiti a cause dolose ed il 17,3% a cause colpose; sono state, inoltre, contestate  ad altrettante persone 57 sanzioni amministrative per accensioni fuochi non consentiti per un importo di 780.199 euro comprensive del danno ambientale alle aree boscate.

Le violazioni più frequenti sono state riscontrate nel settore della tutela del territorio con  89 infrazioni e 15 violazioni penali rilevate nel settore urbanistico-edilizio, paesaggistico, nel settore discariche e gestione irregolare di rifiuti (29 infrazioni e 28.000 euro di sanzioni amministrative, 9 violazioni penali a carico di 39 persone ed 1 sequestro penale) e  nel settore della tutela degli animali (1.207 controlli, 239 infrazioni per 105.742 euro di sanzioni amministrative, 17 violazioni penali  e 9 sequestri di avifauna protetta, mezzi vietati per l'esercizio della caccia tra cui archetti, trappole  e lacci metallici, ed animali esotici tra cui tartarughe, pappagalli).

Sono stati effettuati controlli anche nel settore della sicurezza agro-alimentare (29), in particolare sulla etichettatura delle carni bovine, nei punti vendita e nei di macelli oltre a controlli di allevamenti zootecnici per la verifica dell'Anagrafe bovina con l'ausilio dei veterinari dell'ASL di Bergamo; in questo settore sono state  rilevate 2 infrazioni per un importo di 4.000 euro di sanzioni .

La Forestale ha eseguito anche controlli sulle normative del Codice della strada rilevando 82 infrazioni per un importo di 7.963 euro di sanzioni amministrative ed è intervenuta in 78 manifestazioni di educazione ambientale in occasione di Feste degli Alberi nelle scuole.

Tramite le segnalazioni dei cittadini al numero verde  per “emergenze ambientali” del Corpo Forestale dello Stato 1515 sono stati effettuati diversi interventi di controllo mirati, nel 2012 sono state 125 le segnalazioni  che hanno permesso di scoprire diversi illeciti .

r.clemente

© riproduzione riservata