Mercoledì 20 Marzo 2013

Soccorso alpino, tutti i numeri
dell'intervento a Costa Volpino

Ecco i numeri e i dati principali dell'attività svolta in questi giorni dal Corpo nazionale soccorso alpino e speleologico per l'intervento di ricerca a Qualino di Costa Volpino, dalla notte tra venerdì 15 e sabato 16 marzo, fino a martedì 19 marzo, giorno del ritrovamento del corpo del giovane scomparso, Giulio Amighetti.

In ricerca esterna
- coordinamento delle diverse realtà coinvolte (Corpo forestale dello Stato, Vigili del fuoco, Protezione civile) e dei rapporti con le autorità civili, le forze dell'ordine, il 118, i familiari, con la raccolta di segnalazioni e testimonianze;
- gestione quotidiana media di circa 350 persone, compresi i volontari spontanei, con l'assegnazione di percorsi adatti e sicuri, raffigurati anche in 3D per facilitare la lettura ai meno esperti, oltre alla dotazione di dispositivi gps e mappe della zona;
- impiegati in totale circa 200 uomini e donne del Cnsas di due Delegazioni, VI Orobica e V Bresciana, con cinofili, tecnici radio, tecnici e coordinatori di ricerca, istruttori nazionali e regionali e tecnici di elisoccorso;
- la bonifica di canyon e torrenti con tecnici di soccorso in forra, attrezzati con un equipaggiamento specifico per questo tipo di ambiente;
- i tecnici erano organizzati in modo da svolgere 3/4 battute di ricerca al giorno, per oltre 6000 km percorsi su terreni molto impervi;
- il territorio interessato è stato di circa 1200 ettari (bosco, pareti verticali, forre, sentieri);
- il posizionamento di ponti radiomobili per una copertura ottimale delle comunicazioni su tutta l'area interessata. In base: - presenza 24 ore su 24 di un presidio di coordinamento;
- presenza di personale medico e paramedico del Cnsas pronto a intervenire in caso di necessità, non solo per il disperso ma anche per eventuali incidenti alle persone impegnate nella ricerca;
- gestione di strumentazioni tecnologiche e digitali per la preparazione dei percorsi. L'intervento si è concluso con il recupero in notturna del corpo del giovane, su un terreno estremamente ripido, ricoperto di ghiaccio e neve, da parte dei tecnici del Cnsas.

fa.tinaglia

© riproduzione riservata