Giovedì 09 Maggio 2013

Tra i feriti della guerriglia
anche il vicequestore Ferraro

Tra i feriti delle forze dell'ordine, nella violenta guerriglia tra ultras atalantini e bianconeri, di mercoledì sera, c'è anche il vice questore aggiunto Francesca Ferraro, capo di gabinetto della questura di Bergamo. Il referto medico, redatto dai medici del Pronto soccorso, dell'ospedale Giovanni XXIII, parla di contusione alla gamba destra, con prognosi di sette giorni, salvo complicazioni.

Questa la ricostruzione della vicenda. Intorno alle 19,30, la dirigente con un contingente della Polizia, erano appostati lungo viale Giulio Cesare, angolo via Rosselli, per prevenire eventuali scontri tra le opposte tifoserie. Ad un certo momento, circa 200 supporter, con il viso incappucciato, che si trovavano nei pressi, hanno cominciato a lanciare all'indirizzo delle Forze dell'ordine bottigliette, sassi, sampietrini e cartelli stradali mobili.

Ed è stato uno di quei cartelli, indicante il divieto di sosta, a raggiungere, come si è detto, alla gamba la dottoressa Ferraro che con prontezza di riflessi ha fatto in modo che non venisse colpita in altre parti del corpo. Nonostante il forte dolore provocato dal deprecabile episodio, la poliziotta ha continuato a svolgere i compiti assegnatigli sin oltre il termine della gara.

In ospedale si è, invece, recata l'indomani (questa mattina, giovedì) anche perché è tornata in questura per svolgere i primi accertamenti, con gli altri colleghi, su ciò che è accaduto. Sulle indagini c' da dire che la questura sta proseguendo la visione dei filmati ripresi, nel corso degli incidenti, dalle telecamere della Polizia e non solo da quelle. Si tratta, questo, di un lavoro meticoloso dal quale gli investigatori auspicano concreti riscontri in tempi ragionevolmente brevi.

Arturo Zambaldo

a.ceresoli

© riproduzione riservata