Domenica 19 Maggio 2013

Leucemia fulminante, 15enne
muore nel giorno del compleanno

Un malore a scuola, la corsa in ospedale, il quadro clinico che si aggrava ora dopo ora e tutto che finisce in un attimo. Pamela Perolari, studentessa di Romano, è morta ieri, nel giorno del suo quindicesimo compleanno: da venerdì si trovava all'ospedale di Treviglio dove era stata portata d'urgenza dopo che si era sentita male in classe. A strapparla per sempre dai suoi genitori, secondo i primi accertamenti, è stata una leucemia fulminante.
La notizia dell'improvvisa scomparsa di Pamela si è diffusa velocemente ieri a Romano, lasciando senza parole tutti coloro che conoscevano la ragazza e la sua famiglia: in tanti si stanno stringendo attorno al papà Pietro, 53 anni, impiegato alla concessionaria «Baccanelli », e alla mamma Cristina Chiappini, casalinga di 44 anni.

Figlia unica, Pamela si è sentita male venerdì mattina al liceo «Don Milani» di Romano, dove frequentava il primo anno dell'indirizzo Scienze umane – opzione economico-sociale. È iniziato tutto verso le 10: la studentessa ha accusato un fortissimo mal di testa e altri sintomi di fronte ai quali gli insegnanti hanno deciso di contattare la mamma, per chiederle di andare a prendere la ragazza e accompagnarla a casa. Già mentre era sull'ascensore con la mamma per raggiungere il piano terra e uscire della scuola, la situazione di Pamela è apparsa in aggravamento ed è stato chiamato il 118, che ha inviato all'istituto un'ambulanza.

Insieme al mezzo di soccorso è arrivato anche il padre, nel frattempo avvisato di quello che era successo. Prima di salire in ambulanza Pamela ha perso i sensi e il personale sanitario l'ha trasportata d'urgenza al pronto soccorso dell'ospedale di Treviglio: nella struttura del capoluogo della Bassa la ragazza è stata sottoposta a una serie di accertamenti diagnostici, tra cui una Tac, ma la situazione si è aggravata sempre più e Pamela è stata trasferita nel reparto di Rianimazione. Già nel pomeriggio di venerdì, purtroppo, è sopraggiunta la morte cerebrale.

Leggi di più su L'Eco di Bergamo in edicola

e.roncalli

© riproduzione riservata