Lunedì 20 Maggio 2013

Bergamo-Lecco, treni fermi
ancora 15 giorni per i massi

Dovranno rimanere lontani dalle loro case per due mesi, le 123 persone sfollate dalla frazione Levata di Monte Marenzo (Lecco), dove venerdì scorso è caduta una frana di massi di svariati metri cubi che aveva colpito anche la linea ferroviaria.

E proprio il collegamento in treno tra Lecco e Bergamo è l'altro grosso problema causato dal movimento franoso. La linea rimarrà chiusa per due settimane in base alle prospettive calcolate oggi nel corso di un vertice con autorità e forze dell'ordine. Ora si tratterà di studiare le soluzioni temporanee migliori per i tanti sfollati.

Tra le ipotesi - salvo soluzioni personali, anche attraverso l'aiuto di parenti - vengono preferite sistemazioni in albergo e appartamenti ma potrebbero essere resi disponibili anche dei prefabbricati. Il problema dipende dal fatto che il versante montano da dove si sono staccati i massi - che hanno anche distrutto un'auto in sosta e un terrazzo di un appartamento - è ancora instabile a causa della presenza in quota di un grosso sperone roccioso che dovrebbe essere ora imbrigliato o frantumato. I tempi dell' intervento dipenderanno anche dalle condizioni meteo, per ora ancora molto instabili.

m.sanfilippo

© riproduzione riservata