Venerdì 24 Maggio 2013

Consiglio comunale a Ponte S.P.
«Domenica alle 8.30», è polemica

Fa discutere la decisione del sindaco di Ponte San Pietro di convocare il Consiglio comunale straordinario sul tema della sicurezza per domenica mattina alle 8,30 e in seconda convocazione lunedì alle 14.

Alcuni consiglieri comunali, in particolare quelli che dai banchi dell'opposizione avevano presentato la richiesta per il Consiglio straordinario, quando hanno letto la data e l'ora sono sobbalzati sulla sedia e ora parlano di «boicottaggio».

Il sindaco Valerio Baraldi invece è convinto della sua scelta: «Ritengo che l'ordine del giorno sia importante: alla domenica mattina i cittadini non hanno impegni di lavoro e quindi hanno più disponibilità per seguire questa importante assemblea consiliare. Tra l'altro – aggiunge Baraldi – terminato il Consiglio comunale, chi è disponibile può partecipare all'operazione "Isolotto pulito" messa in campo dall'amministrazione comunale con gli alpini, la Protezione civile e i giocatori di softair. Queste sono le mie motivazioni: semplici, ma a mio parere giustificate». Non la pensano così invece i gruppi di minoranza che hanno sottoscritto la richiesta di convocazione.

Dalla lista «Ponte per cittadini protagonisti» il capogruppo Giuliana Reduzzi e il consigliere Luigi Togni evidenziano: «Questa convocazione ha un po' il sapore del boicottaggio, una presa in giro per i richiedenti del Consiglio comunale straordinario sul problema della sicurezza». Sulla stessa lunghezza d'onda anche Giuseppe Rota, del gruppo «Idea Comune», che con l'ex sindaco Reduzzi ha firmato la richiesta.

Leggi di più su L'Eco di Bergamo in edicola

e.roncalli

© riproduzione riservata