Venerdì 07 Giugno 2013

Uccisa in Sardegna, l'appello
Il marito condannato a 23 anni

È stata confermata in Appello a Cagliari la condanna del pescatore di Cabras, Renzo Brundu, che il 10 luglio del 2011 uccise a coltellate sua moglie, Katia Riva, 38 anni di Osio Sotto. Per Brundu solo uno sconto sulla pena: dai 28 anni del primo grado a 23 anni.

L'udienza - la seconda dopo il rinvio dovuto alla rinuncia del difensore per dissenso sulla strategia da tenere - si è svolta a Cagliari in quanto ad Oristano non è presente la Corte d'Assise d'appello.

Il pescatore era condannato circa un anno fa in primo grado a 28 anni di reclusione e alla sospensione della potestà genitoriale, oltre che al risarcimento dei danni: 40 mila auro a Simona Riva, la sorella gemella della vittima, 150 mila alla madre, Romana Bugini, e 400 mila a ciascuno dei due figlioletti.

La tesi sostenuta dalla difesa era quella secondo il quale il pescatore «era esasperato dal comportamento nervoso e dalle provocazioni di sua moglie». Era la mattina di domenica 10 luglio 2011, quando nella casa del centro storico di Cabras successe l'irreparabile.

Leggi di più su L'Eco di bergamo del 7 giugno

r.clemente

© riproduzione riservata