Mercoledì 25 Febbraio 2009

Nella chiesa del seminario
il saluto al clero (25/2/2009)

Con una solenne concelebrazione eucaristica, giovedì 26 febbraio alle 11, nella chiesa ipogea del Seminario, il vescovo Roberto Amadei saluterà il clero bergamasco. È uno dei segni forti scelti da monsignor Amadei per caratterizzare questo periodo prima del suo ritiro dalla guida della diocesi, reso ufficiale il 22 gennaio scorso con il contemporaneo annuncio della nomina del successore, monsignor Francesco Beschi, vescovo ausiliare di Brescia.

In occasione del saluto di monsignor Amadei al clero diocesano, monsignor Lino Belotti, vescovo ausiliare emerito di Bergamo e vicario generale, ha inviato una lettera ai sacerdoti bergamaschi, ricordando che il vescovo Amadei ha scelto di restare a vivere nella nostra città e diocesi, precisamente nella Comunità dei Preti del Sacro Cuore, che proprio quest'anno ha festeggiato il 1º centenario di costituzione. «Con sincera riconoscenza - scrive il vescovo Belotti - vogliamo dire il nostro grazie a monsignor Roberto Amadei per aver esercitato con passione e dedizione il suo ministero sacerdotale a servizio della diocesi, prima come insegnante, preside e rettore del Seminario e poi, in questi diciassette anni, come vescovo. Ci rallegra il fatto che, nei prossimi anni, che gli auguriamo lunghi e fecondi, arricchirà ancora la nostra Chiesa con la sua presenza presso la Comunità dei Preti del Sacro Cuore in via Garibaldi. Con grande affetto, pur nella semplicità ed essenzialità - scrive ancora il vescovo Belotti -, esprimeremo il nostro ringraziamento a monsignor Roberto Amadei».

L'Ufficio liturgico ricorda ai sacerdoti concelebranti di portare il camice e la stola bianca. Nel corso dei suoi diciassette anni alla guida della diocesi di Bergamo, il vescovo Amadei ha dimostrato grande attenzione al clero, alla sua formazione e ai suoi problemi, nonché al Seminario diocesano. Infatti - come ebbe a scrivere il Beato Papa Giovanni XXIII - il Seminario «è la pupilla degli occhi» per ogni vescovo.

fa.tinaglia

© riproduzione riservata