Giovedì 18 Giugno 2009

Si risparmia tempo e costa meno
Pronto Soccorso, il boom è lunedì

È il lunedì il giorno più critico per il Pronto Soccorso bergamasco che, secondo chi usufruisce del servizio, è più economico e permette di risparmiare tempo rispetto al tradizionale iter di visite ed esami su appuntamento. Secondo una ricerca stilata dall'Ordine dei medici di Bergamo, in collaborazione con l'Università locale, la percentuale più alta degli utenti risulta ricorrere ai servizi del Pronto Soccorso il primo giorno della settimana, in particolare nella fascia oraria compresa tra le 8 e le 14. Si tratta di adulti, tra i 30 e i 50 anni, con un titolo di studio prevalentemente di licenza media inferiore o superiore che di professione svolgono mansioni di operaio o impiegato.

I dati raccolti da questa ricerca provengono dall'analisi di un questionario che è stato distribuito tra il 10 e il 24 novembre del 2008 ai pazienti dei Pronto Soccorso di cinque aziende ospedaliere bergamasche: gli Ospedali Riuniti di Bergamo, la clinica Humanitas Gavazzeni, l'ospedale di Seriate, quello di Ponte San Pietro e di Zingonia. Dieci domande a risposta chiusa che sono state concordate dall'Ordine dei medici e dai presponsabili dei Pronto Soccorso in cui è stata effettuata la ricerca. Ricerca, inoltre, che ha visto la collaborazione del dipartimento di Economia delle Imprese dell'Ateneo di Bergamo e da una Commissione di medici ospedalieri e del territorio, oltre che da rappresentanti delle Società di Medicina di Emergenza e Urgenza di Bergamo.

Dalla ricerca risultano inoltre le motivazioni che spingono i bergamaschi a chiedere aiuto al Pronto Soccorso: prevalentemente si tratta di infortuni non particolarmente gravi o di sintomi che spaventano i pazienti che ricorrono quindi alla struttura ospedaliera perchè ritenuta di loro fiducia. Le risposte mettono in evidenza anche anche altre motivazioni di rilievo: molti pazienti accedono al servizio per ragioni di convenienza economiva, ma anche per la completezza delle analisi svolte al Pronto Sccorso e per saltare la trafila delle prenotazioni e quindi risparmiare tempo.

fa.tinaglia

© riproduzione riservata