Acciacchi dell’età e di una vita insieme
«Ma a Mozzo ci sono ancora gli angeli»

In tempi di malasanità una storia come quella di Gianmario e Franca Marchesi (83 e 81 anni) apre il cuore. E si sintetizza in una mail piena di grazie, tutti in maiuscolo. A chi li ha operati lo stesso giorno per lo stesso problema e a chi ne ha curato la riabilitazione.

Acciacchi dell’età e di una vita insieme «Ma a Mozzo ci sono ancora gli angeli»
L’ex Casa degli angeli a Mozzo

Insieme da una vita, anche in un piccolo inconveniente della vecchiaia: un problema al ginocchio destro. In tempi di malasanità una storia come quella di Gianmario e Franca Marchesi (83 e 81 anni) apre il cuore. E si sintetizza in una mail piena di grazie, tutti in maiuscolo.

Davvero vicini, nella vita, nella salute e anche nella malattia. Ricoverati lo stesso giorno e nella stessa struttura, operati da l professor Claudio Castelli nel reparto di Ortopedia dell’ospedale di Bergamo. Insieme vengono poi trasferiti al Centro di riabilitazione di Mozzo, collegato all’ospedale, un luogo nato nel passato come casa di alloggio per ragazze madri con il nome di «Casa degli angeli», ora «ex-Casa degli angeli».

Eppure qualche angelo ancora abita quelle mura e rende il luogo, così come lo descrivono Gianmario e Franca, «molto professionale, familiare e accogliente». Perché a volte gli angeli si trovano nei posti più impensati, e per i coniugi sono anche quei fisioterapisti e infermieri dei quali evidenziano «la pazienza, la tenacia, la positività, la forza e il coraggio». Roba che non aggiusta solo le ginocchia fragili, ma che cura il cuore.

Leggi di più su L’Eco di Bergamo del 3 agosto

© RIPRODUZIONE RISERVATA