Accoltella la moglie e picchia i figli In fuga rapina anche una parrucchiera

Accoltella la moglie e picchia i figli
In fuga rapina anche una parrucchiera

Ha accoltellato la moglie, che è grave in ospedale. Poi è scappato e, durante la fuga ha rapinato una parrucchiera.

Tutto alle Ghiaie di Bonate Sopra dove una casalinga quarantenne, Rosetta Muscerino, ha tentato scappando in strada di sfuggire alla furia del marito Massimo Strazzullo, operaio di 44 anni.

È accaduto martedì all’ora di pranzo, nel loro appartamento di viale Padania: lui le ha sferrato due coltellate, una all’addome e l’altra alla gamba. Dopodiché ha aggredito i loro due figli, ferendone uno alla mano destra e dando una ginocchiata dritta in viso all’altra.

L’uomo s’è scagliato come una furia addosso al personale del 118 che soccorreva la moglie in mezzo alla strada. Poi Strazzullo – sporco di sangue sui vestiti, sulle mani, sul viso – è salito sulla Renault Megane di famiglia e si è dileguato. Nella mezz’ora successiva (tra le 13,30 e le 14) è stato visto due volte, per poi sparire.

Il luogo dell’aggressione, il soggiorno della casa di viale Padania

Il luogo dell’aggressione, il soggiorno della casa di viale Padania
(Foto by Yuri Colleoni)

In un negozio di parrucchiera di Brembate Sopra ha rapinato la titolare dell’incasso. E poi nella ditta dove lavora come capoturno, ad Almenno San Bartolomeo: qui si è lavato e, senza spiegare al titolare perché grondasse sangue, lo ha salutato.


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 18 febbraio

© RIPRODUZIONE RISERVATA