Allarme esondazione: preoccupa l’Adda Ma la situazione più critica è a Milano

Allarme esondazione: preoccupa l’Adda
Ma la situazione più critica è a Milano

Fiumi sotto osservazione anche in Bergamasca dopo che la giornata di sabato è passata all’insegna della pioggia senza sosta.

Preoccupa soprattutto la situazione dell’Adda e in particolare nella zona di Fara, con allarme esondazione. La Regione ha comunicato a Fara Gera d’Adda è stato precauzionalmente interdetto il transito sulla passerella pedonale sul fiume.

Situazione sotto controllo per il momento a Cisano dove è stata però chiusa una strada secondaria, quella che porta verso Bisone, nella zona industriale.

Le altre segnalazioni riguardano la provinciale 160 Chignolo - Madone chiusa per esondazione torrente ’Buliga’. Presidio del Gruppo Protezione civile di Chignolo e Protezione civile di Madone.

Via Pascoli chiusa per esondazione torrente Dordo, sul posto Protezione civile di Chignolo; chiusa strada campestre con veicolo coinvolto nel torrente Grandone, persone illese.

Allagamento su ex ss 671 asse interurbano- galleria San Roberto ma senza chiusura al transito veicolare.

Provinciali 121 e 122 allagamento rotatoria in Comune di Verdello.

L’Adda nel pomeriggio di sabato

L’Adda nel pomeriggio di sabato
(Foto by Luca Cesni)

Il report aggiornato alle 18,30 indica gravi problemi soprattutto nell’area di Milano ma non solo. «La situazione - scrive Simona Bordonali, assessore alla Sicurezza e Protezione civile della Regione Lombardia - è davvero molto critica. Raccomandiamo la massima attenzione. Gli effetti al suolo sulla pianura occidentale e orientale della Lombardia sono da livello emergenziale. Invitiamo pertanto a non uscire di casa e a rimanere ai piani alti degli edifici. Ricordo inoltre di rimanere lontani da corsi d’acqua, ponti e sottopassaggi».

Eccolo:
Una vasta area di bassa pressione di origine Atlantica determina sulla Lombardia un flusso in quota di aria umida dai quadranti meridionali. Attualmente il settore occidentale della nostra regione è interessato da una perturbazione che ha fatto il suo ingresso da ovest a partire dalla tarda serata di ivenerdì e nella notte di sabato. In questo momento le precipitazioni sono diffuse e moderate, anche a carattere di rovescio, sulle province occidentali della regione. La quota neve rimane per oggi attorno ai 1400 metri. Dalla notte di sabato, e per la giornata di domenica 16, è previsto un graduale indebolimento delle precipitazioni, con una ulteriore possibile ripresa in serata a partire dai settori occidentali.

Il Lambro è in fase di esondazione in più punti, nelle province di Como, Monza-Brianza e Milano. Nella città di Milano il Seveso ha allagato tutta l’area tra Niguarda e Garibaldi.

Altri corsi d’acqua minori in diverse province hanno superato gli argini interessando in particolare la viabilità locale.

Per il fiume Po, il colmo di piena è in transito nella sezione di Borgoforte, con valori intorno agli 8,1 metri. I livelli del fiume Po pertanto continueranno a crescere nel tratto terminale lombardo, rimanendo al di sopra della soglia di elevata criticità almeno per le prossime 24 ore. Le intense precipitazioni registrate e che interesseranno il territorio regionale anche nel pomeriggio di oggi, sabato 15, porteranno l’ingresso di una nuova onda di piena.

ATTIVITÀ IN CORSO
Proseguono le attività di monitoraggio e di flusso informativo con i Presidi territoriali
. È costante il contatto con la Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento della Protezione civile.

Gli avvisi di criticità:
AVVISO di CRITICITÀ REGIONALE n° 144 - rischio idrogeologico e idraulico. ELEVATA CRITICITÀ rischio idraulico su Aree D, F con decorrenza dalle ore 04 del 15 novembre, ELEVATA CRITICITÀ rischio idrogeologico su Area H con decorrenza dalle ore 12 del 15/11, CONFERMA ELEVATA CRITICITÀ rischio idrogeologico e idraulico su Area C, MODERATA CRITICITÀ per rischio idrogeologico su Aree A, B, E, G con decorrenza dalle ore 04 del

15/11 MODERATA CRITICITÀ per rischio idraulico su Aree A, B, E, G, H con decorrenza dalle ore 06 del 15 novembre fino a revoca.

AVVISO di CRITICITÀ REGIONALE per rischio idraulico localizzato sul fiume Po - n° 145 del 14/11/2014. CONFERMA ELEVATA CRITICITÀ rischio idraulico su PO6, PO7, PO8, CONFERMA MODERATA criticità rischio idraulico PO4, PO5 fino a revoca, REVOCA con decorrenza immediata della moderata criticità su PO3.

AVVISO di CRITICITÀ REGIONALE per rischio idraulico Lago di Pusiano - fiume Lambro - n. 146 del 14novembre - Passaggio alla ELEVATA CRITICITÀ per rischio idraulico localizzato Lago di Pusiano - fiume Lambro su tutte le province con decorrenza dalle ore 12 del 15 novembre.

AVVISO di CRITICITÀ REGIONALE n° 147 del 15/11/2014 - CONFERMA ELEVATA CRITICITÀ rischio idraulico su Aree D,F; CONFERMA ELEVATA CRITICITÀ rischio idrogeologico su Area H; CONFERMA ELEVATA CRITICITÀ rischio idrogeologico e idraulico su Area C; CONFERMA MODERATA CRITICITÀ per rischio idrogeologico su Aree A, B, E, G; CONFERMA MODERATA CRITICITÀ per rischio idraulico su Aree A, B, E, G, H fino a revoca.

AVVISO di CRITICITÀ REGIONALE per rischio idraulico localizzato sul fiume Po - n° 148 del 15/11/2014 CONFERMA ELEVATA CRITICITÀ rischio idraulico su PO6, PO7, PO8 MODERATA criticità rischio idraulico PO1, PO2.

AVVISO di CRITICITÀ REGIONALE per rischio idraulico Lago di Pusiano - fiume Lambro - n. 149 del 15/11/2014 - Conferma ELEVATA CRITICITÀ per rischio idraulico localizzato Lago di Pusiano - fiume Lambro su tutte le province.

LA SITUAZIONE NELLE ALTRE PROVINCE
PROVINCIA DI COMO:

- Lago Pusiano/fiume Lambro: prosegue il monitoraggio sul livello del Lago di Pusiano che è in risalita a partire dalle ore 13.

- allagamento della viabilità presso l’ospedale Sant’Anna; all’opera volontari di Como e Varese con le idrovore.

PROVINCIA DI LECCO:

- Comune di Pusiano: esondazione del lago di Pusiano sulla SS36, con chiusura della strada.

- Comune di Montevecchia: smottamento di circa 10 mc in prossimità di un’abitazione. Non ci sono stati evacuati. Sul posto presenti Vigili del fuoco, Gruppo comunale protezione civile e sindaco. La situazione è sotto controllo.

- Comune di Rogeno: le rogge non riescono più a scaricare e vi sono allagamenti in corso, gestiti con sacchi sabbia da volontari di Protezione civile; il sindaco è sul posto per coordinare le operazioni.

- Comune di Oggiono: una frana nella valle del torrente Bomboldo ha strappato il collettore delle fognature a servizio della frazione Imberido. Le fognature stanno scaricando direttamente nel torrente e nel lago di Annone. Sul posto funzionari del Comune di Oggiono e Polizia locale. A causa dell’esondazione del torrente Gambalogno, chiusura della SP49.

- Comune di Cortenova: attivata l’UCL del comune per il controllo della situazione relativa al noto dissesto della Valle Rossiga in frazione Bindo.

- Chiusura della - SP49 a Molteno per esondazione torrente.

- Chiusura SP639 a Cividate Suello.

PROVINCIA DI LODI:

- Prevista piena del fiume Adda per la mattina di domenica 16.

Già allertate squadre di volontari per monitoraggio situazione.

PROVINCIA DI MANTOVA:

- sono state attivate da parte dei Comuni sul Po le associazioni di volontariato locale per vigilare sullo stato delle arginature maestre.

PROVINCIA DI MILANO

- Attivato il CCS presso la Prefettura di Milano

- RFI riferisce che, in seguito al guasto verificatosi nello scalo di Melzo, si è dovuto sostituire l’apparato di circolazione (tempi stimati una settimana). È stata avvisata la Prefettura di BS e BG. Al momento sono garantiti 6-8 treni all’ora sulla tratta MI-BS. Per la linea MI-BG sono garantiti 1 su 5. RFI ha chiesto il supporto dei volontari di protezione civile nei giorni lavorativi su alcune stazioni, in via di definizione, per assistenza ai passeggeri in attesa. Nella giornata di domani è previsto un nuovo incontro con la definizione delle richieste specifiche.

- nel comune di Milano è esondato il fiume Seveso nell’area di Niguarda-Isola-Garibaldi; diverse stazioni della M3 ed M5 (Zara, Istria, Marche) sono chiuse. Sospesa la tratta tra Centrale e Maciachini (M3).

- Comune di Milano: chiusura del pronto soccorso dell’ospedale Monzino per la piena del Lambro.

- Comuni di Cologno Monzese, Brugherio e Sesto San Giovanni:

chiusura ponte sul fiume Lambro.

- il fiume Lambro è esondato a Pieve Emanuele (zona industriale); chiusura della SP28.

- Comune di Settala: diffusi allagamenti del centro abitato e delle strade circostanti.

- Comuni di Garbagnate Milanese, Bollate e Baranzate:

esondazione del torrente Guisa/Merlata.

- Comune di Ceriano Laghetto: esondazione del torrente Guisa

- Comune di Rho: esondazione del fiume Olona in via Senna

- Comune di Cormano: esondazione del Seveso in via Prealpi; chiusura del ponte sulla Milano-Meda.

PROVINCIA DI MONZA:

- Comune di Cesano Maderno: esondazione del torrente Guisa e della Comasinella; evacuati alcuni edifici commerciali nella zona industriale.

PROVINCIA DI PAVIA:

- segnalate esondazioni dei torrenti Staffora a Godiasco, Rivanazzano, e Voghera; esondazione dei torrenti Versa, Curone, Scuropasso e Coppa.

- in corso evacuazione di 7 famiglie a Godiasco; ospitate nella palestra/teatro.

- chusura della Tangenziale di Voghera e di altre strade provinciali per allagamenti.

- esondazione del Rio Verzate sulla SP187 tra Pinarolo Po e Barbianello.

PROVINCIA DI VARESE:

- Comuni di Gorla Minore e Cislago: chiusura della SP21 per l’esondazione di un fontanile.

- Comune di Germignaga: attivata UCL.

GRANDI FRANE MONITORATE:

- Gera Lario (Co): ELEVATA CRITICITÀ

- Val Genasca: ELEVATA CRITICITÀ

- Ruinon: ORDINARIA CRITICITÀ


© RIPRODUZIONE RISERVATA