Archeologico e Caffi, si pagherà Ticket unico a 3 € per i due musei

Archeologico e Caffi, si pagherà
Ticket unico a 3 € per i due musei

Detto, fatto. Dopo l’annuncio dell’introduzione del biglietto d’ingresso ai musei civici di Città Alta (l’Archeologico e quello di scienze naturali, il Caffi), è arrivato il via libera della Giunta. Ci sarà un ticket unico per entrare nei due musei: costerà 3 euro, ma fino a 18 anni l’ingresso resterà gratuito.

A Palazzo Frizzoni hanno fretta. La delibera è stata dichiarata immediatamente eseguibile, il provvedimento dovrebbe garantire alle casse comunali 90 mila euro di entrate nel 2015. Si tratta di una delle voci previste nel bilancio di previsione (insieme al pagamento dei lumini del cimitero o ai controlli più rigorosi su ztl e sosta selvaggia) per garantire maggiori risorse al Comune a fronte dell’ennesima sforbiciata del governo, 4,6 milioni in meno solo quest’anno. Chiaro che prima il ticket entrerà in vigore maggiori saranno le probabilità di centrare la stima fatta in sede di bilancio.

Il museo Caffi

Il museo Caffi

Il pagamento dovrebbe scattare nel giro di un mesetto, a luglio con ogni probabilità. Questa è la previsione degli uffici comunali perché prima bisognerà adeguare il software delle emettitrici e di biglietti che erano state acquistate nel 2012 dalla precedente amministrazione, dopo aver deciso di far pagare l’ingresso ai due musei. Le macchinette però non sono mai entrate in funzione perché nel frattempo ci si è accorti che c’era il rischio di perdere i benefici fiscali legati al recupero dell’Iva sui soldi spesi per il restauro dell’Accademia Carrara.

L’introduzione del biglietto allora era stata approvata dal centrodestra con l’opposizione contraria. Adesso invece è il centrosinistra a proporre il ticket. «La nostra delibera è diversa - spiega l’assessore al Turismo Nadia Ghisalberti -. Abbiamo previsto un biglietto cumulativo per i due musei e tutta una serie di esenzioni importanti. È un sacrificio misurato che non va a colpire giovani e scuole».


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola giovedì 4 giugno 2015

© RIPRODUZIONE RISERVATA