Martedì 03 Dicembre 2013

Assalite da 3 uomini incappucciati

Notte di terrore per due donne

L’agguato al suv in via Goisis

«Sono ancora sotto choc, non riescono nemmeno a parlare. Hanno chiesto a me di raccontare l’episodio terribile di cui sono state vittime domenica notte». L’avvocato Omar Hegazi, punto di riferimento per tutti gli abitanti della Maresana, si fa portavoce dell’ultimo, inquietante episodio di criminalità accaduto a due conoscenti, assalite in auto a Monterosso da tre uomini incappucciati mentre tornavano a casa.

«Le due amiche, quarantenni residenti in Maresana, alle 3,30 di domenica stavano tornando a casa sulla stessa auto, un suv Jeep - racconta Hegazi -. Arrivate in via Goisis, di fronte al parco, hanno rallentato a causa dei dossi. Improvvisamente sono sbucati tre uomini incappucciati e vestiti di nero, due su un lato della strada e il terzo sul marciapiede dalla parte opposta. Hanno svuotato sull’auto un sacco contenente fango e vernice, imbrattando tutto il parabrezza. La conducente ha subito azionato i tergicristalli e in quel momento è piombato sul vetro un grosso oggetto, forse un sasso, che ha rotto il parabrezza facendo un buco di una decina di centimetri».

Possiamo facilmente immaginare lo spavento che hanno provato le due donne in quegli istanti. Sole, al buio su una strada in quel momento deserta, in balìa di tre uomini con evidenti fini violenti. «Non sappiamo che intenzioni avessero, ma l’episodio è davvero preoccupante. Le due amiche comunque hanno avuto la prontezza di riflessi di scavalcare il dosso, accelerare e scappare a tutta velocità verso la questura».

Arrivate in via Noli, le quarantenni erano nel panico. Ferite al viso dalle schegge di vetro, hanno raccontato l’accaduto e sono state invitate ad andare in ospedale per farsi medicare. Una pattuglia è stata inviata in via Goisis per le ricerche, senza esito, dei tre uomini.

© riproduzione riservata